Accettazione dei cookie



Su cosa basare la classificazione dei beni? (Microeconomia)




Sulla base delle cose fino ad ora dette, si può procedere alla classificazione dei beni, basandoci sui fattori esposti nei prossimi paragrafi.

La scarsità nella classificazione dei beni

La scarsità: si può distinguere tra beni economici che sono scarsi, rispetto agli obiettivi, e quelli liberi o sovreabbondanti, trova un riscontro, in un’economia monetaria, nell’esistenza o non esistenza del prezzo. Perchè? L’economia di mercato serve a definire un prezzo che si deve sostenere per acquisire i beni scarsi. I beni liberi (sasso del giardino che non so come usare,che rappresenta un prezzo negativo perchè dovrò pagare qualcun’altro per toglierli) hanno un prezzo pari a zero.

Il ruolo dei fattori produttivi nella classificazione dei beni

Sulla base della destinazione dei beni possiamo distinguere beni di consumo che servono a soddisfare un bisogno. Quando parliamo di consumo pensiamo ai bisogni personali (mangiare, vestirsi, ecc). Oppure si tratta di beni destinati alla produzione, destinati a essere impiegati in un processo produttivo e in quel caso prendono il nome di fattori produttivi o agenti della produzione.

La differenza fra input e output

In base alla attività di produzione in senso stretto, distinguiamo tra input e output. Input bene che entra in un certo prcesso. Output bene che esce da un certo processo.

La differenza fra risorse originarie e risorse derivate

Dal punto di vista dell’origine dei beni, si distingue tra risorse originarie e derivate. Le originarie sono quelle che esistono dall’origine (Ad esempio la terra di un campo o la sabbia del mare) non ancora oggetto di trasformazione.

Le categorie di input: terra, capitale, lavoro

Ultima divisione è quella relativa alle categorie di input, tre grandi categorie: la prima è quella delle risorse originarie (TERRA), la seconda è quella del CAPITALE (distinto a sua volta in capitale fisso ovvero beni utilizzabili in più cicli produttivi e capitale circolante ovvero beni ad uso singolo), la terza è quella del LAVORO, servizio produttivo reso dall’uomo.

<<< Torna alle attività economiche complementari

Vai alla definizione di mercato >>>


Approfondimenti consigliati:

Vota questo articolo
[Voti: 1   Media: 5/5]

More Like This


Categorie


Economia

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it