Catullo carmi foto

Catullo carme 92 testo latino

Lesbia mi dicit semper male nec tacet umquam
de me: Lesbia me dispeream nisi amat.
Quo signo? Quia sunt totidem mea: deprecor illam
assidue, verum dispeream nisi amo.

Catullo carme 92 traduzione in italiano

Lesbia parla sempre male di me, e neppure smette di parlar
di me:  mi venga un colpo se Lesbia non mi ama.
Come lo so? Perché sono simile lei: la ricopro ogni giorno
d’insulti, ma mi venga un colpo se non l’amo.

<<< Torna all’elenco dei carmi d’amore di Catullo

Commento alla traduzione del carme 92 di Catullo

Siamo “alle solite”: Catullo non fa che parlare di Lesbia nelle sue poesie, a volte coprendola d’insulti, a volte coprendola di complimenti. Probabilmente però Catullo non fa altro che parlare di Lesbia anche fuori dall’ambito poetico nella vita di tutti i giorni; come al solito ne è ossessionato. Spera che, essendo reciproco l’insultarsi a vicenda con Lesbia, questi segnali di odio celino in realtà un amore vicendevole non ancora spento.

Altri carmi famosi su Lesbia scritti da Catullo sono:

Il carme 2, il carme 3, il carme 5, il carme 72, il carme 92.


Approfondimenti consigliati

Vota questo articolo