Accettazione dei cookie.



Niccolò Machiavelli (vita e opere)



 

Niccolò di Bernardo dei Machiavelli fu uno storico, politico, drammaturgo, scrittore e filosofo italiano nato a Firenze il 3 maggio 1469 e morto in questa stessa città il 21 giugno 1527, solitamente considerato come fondatore della scienza politica moderna.

L’opera principale di Machiavelli è “Il Principe”, un saggio critico scritto nel 1532, dove è spiegato l’insieme del suo pensiero politico di base, la “ragion di stato” e la concezione machiavelliana della storia.

Niccolò Machiavelli era il terzo genito di una famiglia Fiorentina originaria della Val di Pesa ma residenti sin dal XII secolo presso la città di Firenze; il padre di Machiavelli, “Bernardo”, era dottore in legge.

Machiavelli iniziò a studiare latino probabilmente già all’età di 7 anni, proseguendo poi con lo studio della matematica e dei principali autori latini; si ritene che pur non conoscendo il greco, ebbe comunque modo di leggere alcune traduzioni in latino delle opere di alcuni dei più importanti storici greci antichi, fra cui Tucidide, Plutarco e Polibio.


Nel giugno del 1498 ottenne la segreteria della seconda cancelleria del comune e un mese dopo divenne segretario di un’altra magistratura chiamata i “Dieci di libertà e pace”.

Con questi incarichi Machiavelli compì diverse missioni diplomatiche, tra cui quella in Francia nel 1500, sotto il regno di Luigi XII, e due anni dopo presso Cesare Borgia. Quasi un decennio più tardi si recò anche in Svizzera e in Germania, assieme all’amico Francesco Vettori, e compose il “Ritratto delle cose della Magna” (con “Magna” si intende la Germania).

Dopo due anni seguì l’opera “Ritratto delle cose della Francia“. Attorno al 1512, a causa della guerra fra la Lega Santa e la Francia (alla quale Firenze era alleata), Machiavelli venne licenziato da tutti i suoi incarichi. Nel periodo dell’esclusione politica scrisse il “Principe“(1513), i “Discorsi sopra la prima deca di Tito Livio” e anche una commedia, la “Mandragola“(1518).

La speranza di un rientro in politica aumentò quando il cardinale Giulio de’ Medici, favorevole a Machiavelli, assunse il governo della città e gli affidò l’incarico di stendere una storia di Firenze. Nel 1521 vennero stampati i dialoghi dell’ “Arte della guerra” e in quell’anno, inviato a Carpì, conobbe Francesco Guicciardini. Appena il cardinale divenne papa, Machiavelli gli offrì le “Istorie fiorentine“, ancora manoscritte.

Nel 1527 i Medici vennero scacciati a causa dell’avvento della Repubblica e per Niccolò fu una grande delusione non riottenere l’antica segreteria. Ammalatosi improvvisamente morì il 21 giugno del 1527.

Vota questo articolo
[Voti: 1   Media: 5/5]

More Like This


Categorie


letteratura italiana

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it