Mito sulla nascita della luna

Uno dei miti più interessanti dei Creek (uno dei popoli nativi americani) riguarda la nascita della luna: secondo il mito infatti un tempo non esisteva la luna, ma solamente il sole, ed esisteva un “guardiano del sole”, con un figlio e una figlia.

Il custode teneva vivo e alimentava il fuoco del sole,  ma un giorno divenne troppo vecchio per farlo, e non potendo più alimentare la fiamma lasciò questo compito ai suoi figli, pregando di evitare di spegnere il fuoco.

I due però litigarono su chi dovesse alimentare il sole e quest’ultimo cominciava a spegnersi, creando spavento in tutto il mondo.

Visto lo spegnersi del sole, Wisakecahk giunse presso di loro, irato, e dispose che il ragazzo alimentasse il giorno, e la sorella la notte, in maniera tale che entrambi si dividessero il lavoro, e alimentassero la fiamma del sole in luoghi diversi. In questo modo punì anche i due giovani, permettendogli di vedersi da vicino solo una volta all’anno: a parte quel momento infatti potranno solamente osservarsi distanti nel cielo.

Fu così che il fuoco del sole venne diviso in due: quello del “giorno” e quello “della notte”, ovvero la luna, che nacque in questo modo.


Approfondimenti consigliati

Vota questo articolo