“L’avvelenato”: testo e descrizione della ballata in dialetto comasco

La ballata dell'avvelenato - immagine di copertina

L’avvelenato” è una ballata in dialetto comasco composta probabilmente prima del XVII secolo d.C. in Italia da parte di un compositore anonimo.

La ballata è nota, oltre che col nome di “L’avvelenato”, anche con quello di “Il testamento dell’avvelenato“.

Storia della ballata

Si reputa probabile che la ballata in questione possa aver avuto origini antecedenti al XVII secolo d.C. in quanto il suo testo venne già riportato all’interno di un repertorio di canti popolari pubblicato nel 1629 a Verona dal fiorentino “Camillo detto il Bianchino, cieco fiorentino“.

Secondo quanto ipotizzato dallo storico, filologo e politico italiano Alessandro d’Ancona (1835-1914), all’interno del suo saggio “La poesia popolare italiana”.

L’opera dove viene citata la ballata nel 1629 era probabilmente un repertorio di un musicante di strada che suonava nelle piazze della città.

Come fa notare Alessandro d’Ancona, la versione italiana muta in alcuni particolari a seconda dei contesti e delle località in cui è ripresa, ad esempio in alcune versioni l’anguilla citata nella ballata viene definita arrosto o in guazzetto.

La ballata dell’avvelenato è di gran lunga somigliante a quella di “Lord Randal“, una ballata tipica della Scozia, ma presente in buona parte dell’Europa del nord, in particolare sono conosciute sue versioni differenti, in particolare in lingua tedesca, danese, svedese e in magiaro (ungherese).

Questo fatto, assieme all’esistenza della ballata dell’avvelenato stessa, lo studioso pone degli interrogativi riguardanti la paternità dell’opera originale (ancora non chiarita) da cui deriverebbero le altre versioni della ballata.

Testo della ballata

Dôve si stâ jersira,
Figliuol mio caro, fiorito e gentil?
Dôve si stâ jersira?

Sôn stâ dalla mia dama:
Signôra mama, mio core sta mal!
Sôn stâ dalla mia dama:
Ohimè, ch’ io moro, ohimè!

Cossa v’halla dâ de cêna,
Figliuol mio caro, fiorito e gentil?
Cossa v’halla dâ de cêna ?

On inguilletta arrosto:
Signôra mama, mio core sta mal!
On inguilletta arrosto:
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

L’avì mangiada tütta,
Figliuol mio caro, fiorito e gentil?
L’avì mangiada tütta?

Non n’hô mangiâ che mezza:
Signôra mama, mio core sta mal!
Non n’hô mangiâ che mezza:
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

Coss’avì fâ dell’altra mezza,
Figliuol mio caro, fiorito e gentil?
Cossa avì fâ dell’altra mezza?

L’hô dada alla cagnòla:
Signôra mama, mio core sta mal!
L’hô dada alla cagnòla;
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

Cossa avì fâ della cagnòla,
Figliuol mio caro, fiorito e gentil?
Cossa avì fâ della cagnòla?

L’è morta drê la strada;
Signora mama, mio core sta mal!
L’è morta drê la strada:
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

L’ha va giüst dâ ‘l veleno,
Figliuol mio caro, fiorito e gentil:
L’ha v’ha giüst dâ ‘l veleno.

Mandè a ciamà ‘l dôttôre.
Signôra mama mio core sta mal!
Mandè a ciamà ‘l dôttôre:
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

Perché vorî ciamà ‘l dôttôre,
Figliuol mio caro, fiorito e gentil,
Perché vorî ciamà ‘l dôttôre?

Per farmi visitare;
Signôra mama, mio core sta mal!
Per farmi visitare:
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

Mandè a ciamà ‘l cürato;
Signôra mama, mio core sta mal!
Mandè a ciamà ‘l cürato.
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

Perché vorî ciamò ‘l cürato:
Figliuol mio caro, fiorito e gentil,
Perché vorì ciamà ‘l cürato?

Per farmi confessare:
Signôra mamma, mio core sta mal!
Per farmi confessare:
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

Mandè a ciamà ‘l notaro:
Signôra mama, mio core sta mal!
Mandè a ciamà ‘l notaro:
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

Perché vorì ciamà ‘l notaro,
Figliuol mio caro, fiorito e gentil,
Perché vorî ciamà ‘l notaro?

Per fare testamento:
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

Cossa lassè alla vostra mama,
Figliuol mio caro, fiorito e gentil?
Cossa lassè alla vostra mama?

Ghe lasso ‘l mi palazzo:
Signôra mama, mio core sta mal!
Ghe lasso ‘l mio palazzo:
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

Cossa lassè alli vostri fratelli,
Figliuol mio caro, fiorito e gentil,
Cossa lassè alli vostri fratelli?

La carrozza coi cavalli:
Signôra mama, mio core sta mal!
La carrozza coi cavalli,
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

Cossa lassè alle vostre sorelle,
Figliuol mio caro, fiorito e gentil,
Cossa lassè alle vostro sorelle?

La dote per maritarle:
Signôra mama, mio core sta mal!
La dote per maritarle:
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

Cossa lassè alli vostri servi,
Figliuol mio caro, fiorito e gentil,
Cossa lassè alli vostri servi?

La strada d’andà a messa:
Signôra mama, mio core sta mal!
La strada d’andà a messa:
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

Cossa lassè per la vostra tomba,
Figliuol mio caro, fiorito e gentil,
Cossa lassè per la vostra tomba?

Cento cinquanta messe:
Signôra mama, mio core sta mal!
Cento cinquanta messe;
Ohimè, ch’io moro, ohimè!

Cossa lassè alla vostra dama,
Figliuol mie caro, fiorito e gentil,
Cossa lassè alla vostra dama?

La fôrca da impiccarla,
Signôra mama, mio core sta mal!
La fôrca da impiccarla:
Ohimè, ch’io moro, ohimè!


Approfondimenti consigliati

Vota questo articolo

More Like This


Categorie


letteratura

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it