"Scena del balcone" (Shakespeare) Testo inglese e traduzione in italiano della "scena del balcone" - Infonotizia.it


“Scena del balcone” (Shakespeare) Testo inglese e traduzione in italiano della “scena del balcone”



This is the famous “Balcony scene” of Shakespeare from Romeo and Juliet, where the two lovers declare their love to each other. While Romeo praises Juliet’s beauty with neo-platonic images in the style of the courtly tradition, Juliet‘s declaration is quite different.

<<< Torna al menù dei migliori testi di William Shakespeare

Testo originale Romeo e Giulietta scena del balcone (Shakespeare)

Romeo [Coming forward.]: But soft! What light through yonder window breaks? It is the East, and Juliet is the sun! Arise, fair sun, and kill the envious moon Who is already sick and pale with grief That thou her maid art far more fair than she. Be not her maid, since she is envious. Her vestal livery is but sick and green, And none but fools do wear it. Cast it off. It is my lady! O, it is my love! O, that she knew she were! She speaks, yet she says nothing. What of that? Her eye discourses; I will answer it. I am too bold; ’tis not to me she speaks. Two of the fairest stars in all the heaven Having some business, do entreat her eyes To twinkle in their spheres till they return. What if her eyes were there, they in her head? The brightness of her cheek would shame those stars As daylight doth a lamp; her eyes in heaven Would through the airy region stream so bright That birds would sing and think it were not night. See how she leans her cheek upon her hand! O, that I were a glove upon that hand, That I might touch that cheek!

JULIET : Ay me!

ROMEO: She speaks. O, speak again, bright angel, for thou art As glorious to this night, being o’er my head, As is a winged messenger of heaven Unto the white-upturned wond’ring eyes Of mortals that fall back to gaze on him When he bestrides the lazy puffing clouds And sails upon the bosom of the air.

JULIET: O Romeo, Romeo! Wherefore art thou Romeo? Deny thy father and refuse thy name; Or, if thou wilt not, be but sworn my love, And I’ll no longer be a Capulet.

ROMEO [Aside.]: Shall I hear more, or shall I speak at this?

JULIET: ‘Tis but thy name that is my enemy. Thou art thyself, though not a Montague. What’s Montague? It is nor hand, nor foot, Nor arm, nor face. O, be some other name Belonging to a man. What’s in a name? That which we call a rose By any other word would smell as sweet. So Romeo would, were he not Romeo called, Retain that dear perfection which he owes Without that title. Romeo, doff thy name; And for thy name,  which is no part of thee, Take all myself.

ROMEO: I take thee at thy word. Call me but love, and I’ll be new baptized; Henceforth I never will be Romeo.

JULIET: What man art thou, that, thus bescreened in night, So stumblest on my counsel?

ROMEO: By a name I know not how to tell thee who I am. My name, dear saint, is hateful to myself Because it is an enemy to thee. Had I it written, I would tear the word.

JULIET: My ears have yet not drunk a hundred words Of thy tongue’s uttering, yet I know the sound. Art thou not Romeo, and a Montague?

ROMEO: Neither, fair maid, if either thee dislike.

JULIET: How camest thou hither, tell me, and wherefore? The orchard walls are high and hard to climb, And the place death, considering who thou art, If any of my kinsmen find thee here.

ROMEO: With love’s light wings did I o’erperch these walls; For stony limits cannot hold love out, And what love can do, that dares love attempt. Therefore thy kinsmen are no stop to me.

JULIET: If they do see thee, they will murder thee.

ROMEO: Alack, there lies more peril in thine eye Than twenty of their swords! Look thou but sweet, And I am proof against their enmity.

JULIET: I would not for the world they saw thee here.

ROMEO: I have night’s cloak to hide me from their eyes; And but thou love me, let them find me here. My life were better ended by their hate Than death prorogued, wanting of thy love.

JULIET: By whose direction found’st thou out this place?

ROMEO: By Love, that first did prompt me to inquire. He lent me council, and I lent him eyes. I am no pilot; yet, wert thou as far As that vast shore washed with the farthest sea, I should adventure for such merchandise.

JULIET: Thou knowest the mask of night is on my face; Else would a maiden blush bepaint my cheek For that which thou hast heard me speak tonight. Fain would I dwell on form (–fain, fain deny What I have spoke; but farewell compliment! Dost thou love me? I know thou wilt say “Ay;” And I will take thy word. Yet, if thou swear’st, Thou mayst prove false. At lovers’ perjuries, They say Jove laughs.  O gentle Romeo, If thou dost love, pronounce it faithfully. Or if thou thinkest I am too quickly won, I’ll frown and be perverse and say thee nay, So thou wilt woo, but else, not for the world. In truth, fair Montague, I am too fond, And therefore thou mayst think my havior light; But trust me, gentleman, I’ll prove more true Than those that have more cunning to be strange. I should have been more strange, I must confess, But that thou overheard’st, ere I was ware, My true love passion. Therefore pardon me, And not impute this yielding to light love, Which the dark night hath so discovered. ROMEO: Lady, by yonder blessed moon I vow, That tips with silver all these fruit-tree tops–

JULIET: O, swear not by the moon, th’ inconstant moon, That monthly changes in her circle orb, Lest that thy love prove likewise variable.

ROMEO: What shall I swear by?

JULIET: Do not swear at all; Or if thou wilt, swear by thy gracious self, Which is the god of my idolatry, And I’ll believe thee.

ROMEO: If my heart’s dear love

JULIET: Well, do not swear. Although I joy in thee, I have no joy of this contract tonight. It is too rash, too unadvised, too sudden; Too like the lightning, which doth cease to be Ere one can say it lightens. Sweet, good night! This bud of love, by summer’s ripening breath, May prove a beauteous flow’r when next we meet. Good night, good night! As sweet repose and rest Come to thy heart as that within my breast!

ROMEO: O, wilt thou leave me so unsatisfied?

JULIET: What satisfaction canst thou have to-night?

ROMEO: The exchange of thy love’s faithful vow for mine.

JULIET: I gave thee mine before thou didst request it: and yet I would it were to give again.

ROMEO: Would’st thou withdraw it? for what purpose, love?

JULIET: But to be frank and give it thee again. And yet I wish but for the thing I have.

My bounty is as boundless as the sea, my love as deep; the more I give to thee, The more I have, for both are infinite. I hear some noise within. Dear love, adieu! [NURSE calls within.] Anon, good nurse! Sweet Montague, be true. Stay but a little, I will come again. [Exit.]

ROMEO: O blessed, blessed night! I am afeard, Being in night, all this is but a dream, Too flattering-sweet to be substantial.

[Enter JULIET again.]

JULIET: Three words, dear Romeo, and good night indeed. If that thy bent of love be honorable, Thy purpose marriage, send me word tomorrow, By one that I’ll procure to come to thee, Where and what time thou wilt perform the rite; And all my fortunes at thy foot I’ll lay And follow thee my lord throughout the world. [NURSE within.] Madam!

JULIET: I come anon.–But if thou meanest not well, I do beseech thee– [NURSE within.] Madam!

JULIET: By and by I come.– To cease thy strife and leave me to my grief Tomorrow will I send.

ROMEO: So thrive my soul–

JULIET: A thousand times good night!

ROMEO: A thousand times the worse, to want thy light! Love goes toward love as schoolboys from their books But love from love, toward school with heavy looks

[Enter JULIET again]

JULIET: Hist! Romeo, hist! O for a falc’ner’s voice To lure this tassel gentle back again! Bondage is hoarse and may not speak aloud, Else would I tear the cave where Echo lies And make her airy tongue more hoarse than With repetition of “My Romeo!”

ROMEO: How silver-sweet sound lovers’ tongues by night, Like softest music to attending ears!

JULIET: Romeo!

ROMEO: My sweet?

JULIET: What o’clock tomorrow Shall I send to thee?

ROMEO: By the hour of nine.

JULIET: I will not fail. ‘Tis twenty years till then. I have forgot why I did call thee back.

ROMEO: Let me stand here till thou remember it.

JULIET: I shall forget, to have thee still stand there, Rememb’ring how I love thy company.

ROMEO: And I’ll still stay, to have thee still forget, Forgetting any other home but this.

JULIET: ‘Tis almost morning. I would have thee gone– And yet no farther than a wanton’s bird, That lets it hop a little from his hand, Like a poor prisoner in his twisted gyves, And with a silken thread plucks it back again So loving-jealous of his liberty.

ROMEO: I would I were thy bird.

JULIET: Sweet, so would I. Yet I should kill thee with much cherishing. Good night, good night! Parting is such sweet sorrow That I shall say good night till it be morrow. [Exit.]

ROMEO Sleep dwell upon thine eyes, peace in thy breast! Would I were sleep and peace, so sweet to rest!

<<< Torna al menù dei migliori testi di William Shakespeare

——————————————————————————————————————–

<<< Torna al menù dei migliori testi di William Shakespeare

Testo e traduzione in italiano della scena del balcone di Romeo e Giulietta (Shakespeare)

Romeo: Ma morbido! Quale luce attraversa la finestra laggiù? È l’Oriente e Giulietta è il sole! Sorgi, bel sole, e uccidi l’invidiosa luna che è già ammalata e pallida di dolore che tu sei la sua cameriera molto più bella di lei. Non essere la sua domestica, poiché è invidiosa. La sua livrea vestale è malata e verde, e nessuno tranne gli sciocchi la indossano. Gettala. È la mia signora! Oh, è il mio amore! Oh, che sapeva di essere! Parla, ma non dice nulla. Che ne dici? Discorsi dell’occhio; Risponderò. Sono troppo audace; non è per me che parla. Due delle stelle più belle di tutto il paradiso, avere degli affari, attirarle gli occhi, per brillare nelle loro sfere fino al loro ritorno. E se i suoi occhi fossero lì, loro nella sua testa? La luminosità della sua guancia vergognerebbe quelle stelle come la luce del giorno fa una lampada; i suoi occhi in paradiso aarebbero attraversati dall’ariosa regione come un flusso così luminoso che gli uccelli cantino e pensino che non sia notte. Guarda come si appoggia la guancia sulla mano! Oh, se fossi un guanto su quella mano, per poter toccare quella guancia!

GIULIETTA: Ahimé!

ROMEO: Parla. Oh, parla ancora, angelo luminoso, perché sei glorioso di questa notte, essendo sopra la mia testa, come è un messaggero alato del cielo negli occhi meravigliati di bianco rivolto verso l’alto di mortali che ricadono a fissarlo quando cavalca le pigre nuvole gonfie e naviga sul seno dell’aria.

Giulietta: o Romeo, Romeo, perchè sei tu Romeo? Rinnega tuo padre e rifiuta il tuo stesso nome. Altrimenti, se davvero non lo vuoi fare, giurami solamente che mi ami, ed io smetterò di essere una Capuleti.

Romeo: Devo continuare ad ascoltarla, o piuttosto rispondere a quel che dice?

Giulietta: è il tuo nome ad esser mio nemico: tu saresti sempre te stesso anche se non fossi un Montecchi. Che cosa vuol dire Montecchi? Non è una mano, o un braccio o un viso, né un’altra parte che faccia parte dell’essere umano. O, sii qualche altro nome! Quella che noi chiamiamo rosa, con qualsiasi altra parola avrebbe un profumo dolce. Così Romeo, se non fosse chiamato Romeo, conserverebbe quella cara perfezione che deve senza quel titolo. Rinuncia al tuo nome, Romeo, ed in cambio di questo, che dopotutto non è fa parte di te, prendi tutta me stessa.

Romeo: Ti prendo in parola. Chiamami ma amore, e sarò nuovo battezzato; D’ora in poi non sarò mai Romeo.

Giulietta: Chi sei tu, così nascosto dalla notte, che inciampi sui miei pensieri più segreti?

Romeo: Per nome non so come dirti chi sono. Il mio nome, caro santo, è odioso con me stesso perché è un nemico per te. Se l’avessi scritto, avrei strappato la pagina.

Giulietta: Le mie orecchie non hanno ancora sentito un centinaio di parole pronunciate dalla tua lingua, eppure riconosco la tua voce: non sei tu romeo, ed uno dei montecchi?

Romeo: Non sono ne l’uno ne l’altro, mia bella, se a te questo non piace.

Giulietta: Come sei arrivato qui, dimmelo e perché? Le pareti del frutteto sono alte e difficili da scalare, e questo posto è la morte, considerando chi sei, se qualcuno dei miei parenti ti dovesse trovare qui.

ROMEO: Con le ali leggere dell’amore ho scavalcato queste pareti; Perché i limiti pietrosi non possono impedire l’amore, e ciò che l’amore può fare, osa tentare l’amore. Quindi i tuoi parenti non mi fermano.

GIULIETTA: Se ti vedono, ti uccideranno.

ROMEO: Ohimé, ci sono più pericoli nei tuoi occhi che in venti delle loro spade! Guardami con dolcezza, ed io sarò immune alla loro inimicizia.

GIULIETTA: Non vorrei per il mondo che ti trovassero qui.

ROMEO: Ho il mantello da notte per nascondermi dai loro occhi; Se tu mi ami, che mi possano anche trovare qui. Meglio finire questa vita con il loro odio, che con la morte della mancanza del tuo amore.

GIULIETTA: E chi ti ha guidato sin qui?

ROMEO: È stato l’amore, questo per primo mi ha spinto ad informarmi e mi ha prestato il suo consiglio, ed io gli ho prestato ascolto. Non sono un pilota; eppure, se tu fossi lontana, in una vasta riva bagnata dal mare più lontano, non aspetterei comunque ad avventurarmi sin là per una tale merce così preziosa.

GIULIETTA: Sai che la maschera della notte è sul mio volto; Altrimenti un rossore vergine mi dipingerebbe le guancie, per ciò che mi hai sentito dire stasera. Mi piacerebbe rinnegare quanto ho già detto; ma smettiamola con gli artifizi ed i convenevoli. Tu, mi ami? Sono certa che mi dirai sì, e sono certa che crederò a ciò che mi dirai. Eppure, se lo giuri, potresti poi dimostrare di essere falso. Si dice che Giove rida dei giuramenti degli innamorati. O gentile Romeo, se ami, pronuncialo fedelmente, e se pensi che io mi sia data vinta troppo in fretta, aggrotterò le sopracciglia, sarò crudele e ti dirò di no, così mi, corteggierai: in altro caso, niente saprei negarti, per tutto ciò che di più caro esista al mondo. In verità, bel montecchi, sono troppo innamorata, e quindi potresti trovarmi leggera, ma fidati di me, mi dimostrerò più vera di quelli che riescono ad offire la loro modestia nel migliore dei modi. Perciò perdonami, e non imputare questo cedimento all’amore leggero, che la notte oscura ha così scoperto.

ROMEO: fanciulla, laggiù, per quella luna benedetta, che dipinge d’argento tutte queste cime degli alberi da frutto, io giuro…

GIULIETTA: Oh, non giurare sulla luna, sulla luna è incostante, che cambia mensilmente la sua sfera, affinché il tuo amore non si dimostri altrettanto incostante.

Romeo: Ed allora su cosa dovrei giurare?

GIULIETTA: non giurare affatto; O se vuoi, giura sul te stesso gentile, che è il dio della mia idolatria, e ti crederò.

ROMEO: Se il caro amore del mio cuore

GIULIETTA: Beh, non imprecare. Anche se mi rallegro di te, stasera non ho gioia per questo contratto d’amore. È troppo avventato, troppo sconsigliato, troppo improvviso;ed allo stesso modo sembra un fulmine, che cessa di poter dire che c’è. Dolce amore mio, buona notte! Questo germoglio d’amore, a causa del respiro maturo dell’estate, possa rivelarsi un bellissimo flusso per quando ci incontreremo dopo. Buonanotte, buonanotte! Il dolce riposo entri nel tuo cuore come nel mio seno!

ROMEO: Oh, mi lascerai così insoddisfatto?

GIULIETTA: Che soddisfazione puoi avere stanotte?

ROMEO: Lo scambio del fedele voto del tuo amore per il mio.

GIULIETTA: Ti ho dato già il mio prima che tu lo chiedessi: eppure vorrei ridartelo ancora.

ROMEO: Lo riprenderesti? Per quale scopo, amore?

GIULIETTA: Ma per essere sincera e per dartelo di nuovo. Eppure nient’altro desidero, se quello che già ho. La mia generosità è illimitata, come il mare il mio amore è profondo; più ti do, più ne ho per me, perché entrambi sono senza fine. Sento del rumore da dentro. Caro amore, addio!

[Balia chiama da dentro.]

Giulietta: arrivo subito, mia buona balia! Oh mio dolce Montecchi, sii leale. Resta ancora un po’, tornerò di nuovo. [Giulietta esce.]

ROMEO: O beata, beata notte! Sono spaventato, ad essere che nella notte, tutto questo non si riveli essere solo un sogno, troppo lusinghiero e dolce per essere sostanza. [Giulietta torna]

GIULIETTA: Tre parole, caro Romeo, e davvero buona notte. Se quella tua disposizione d’amore è sincera, ed il tuo proposito è sposarmi, fammelo sapere domani, per mezzo di qualcuno che farò venire a te, perché possa sapere dove e come verrà celebrato il matrimonio: e tutte le mie fortune stenderò ai tuoi piedi, e ti seguirò, mio signore, in tutto il mondo.

[Balia da dentro]: Signora!

GIULIETTA: Arrivo! Ma se non fosse questa la tua intenzione, ti prego …

[Balia da dentro]: Signora!

GIULIETTA: Arrivo! Cessa la tua corte, e lasciarmi sola al mio dolore. Domani manderò qualcuno.

ROMEO: così propizia l’anima mia …

GIULIETTA: Mille volte buona notte!

ROMEO: Mille volte cattiva notte, per la mancanza della tua luce! L’amore và, verso l’amore, così come gli scolari fuggono dai loro libri. Ma l’amore, dall’amore, si separa così come loro, verso la scuola vanno, con uno sguardo deluso.

[Entra nuovamente Giulietta]

GIULIETTA: Oh Romeo, potessi avere la voce di un falconiere, per richiamare a me questo gentile volatile! La schiavitù è rauca e non può parlare ad alta voce, altrimenti vorrei strappare dalla caverna dove giace l’eco e rendere la sua lingua ariosa più fioca della ripetizione di “mio Romeo!”

ROMEO: Come le lingue degli amanti del suono argenteo di notte, come la musica più leggera alle orecchie!

GIULIETTA: Romeo!

ROMEO: Mia dolce?

GIULIETTA: a che ora manderò il mio messaggero da te?

ROMEO: Alle nove.

GIULIETTA: Non sbaglierò. Sembra debbano passare venti anni per arrivare a quel moemnto. Ho dimenticato perché ti ho richiamato.

ROMEO: Lasciami stare qui finché non te lo ricordi.

GIULIETTA: ma io vorrei dimenticarlo di nuovo, ricordando quanto amo la tua compagnia.

ROMEO: Ed io rimarrò ancora, per farti dimenticare ancora, dimenticando qualsiasi altra cosa tranne questa.

GIULIETTA: è quasi mattina, avrei voluto fossi già andato; eppure ugualmente vorrei saperti non più lontano di quell’uccellino, che fatto saltare un po’ fuori dalla mano da una bambina che, il povero prigioniero dei cordami, riporta indietro con un filo di seta tramite un piccolo strattone, talmente è la gelosia che mette nell’amore della sua libertà.

ROMEO: Vorrei essere io quell’uccellino!

GIULIETTA: Oh caro, lo vorrei anche io. Eppure finirei, per il troppo amore, con l’ucciderti. Buonanotte, buonanotte! La separazione è un dolce dispiacere che ti direi buona notte fino a domani.

[Giulietta esce]

ROMEO: Dormi bene dietro i tuoi occhi, pace nel tuo petto! Ah se potessi essere io quel sonno e quella pace per poter riposare tanto dolcemente!

<<< Torna al menù dei migliori testi di William Shakespeare


Approfondimenti consigliati:

Pagina Wikipedia su Romeo e Giulietta

More Like This


Categorie


letteratura inglese

  1. Ogni tanto torno a rileggere la traduzione 🙂 Trovo molto apprezzabili anche i suoi monologhi, un po meno i componimenti poetici Shakespeariani ma comunque di grande valore.

  2. Ricordo ancora quando leggendo questa traduzione al liceo decisi di continuare a leggere altre opere di Shakespeare. Non fu la prima certamente a mostrare comunque la grande capacità di questo autore: avevo già trovato superbe le parti dei monologhi di Amleto e di Riccardo III, che reputo più interessanti della famosa “the balcony scene”. Oggi Shakespeare è sempre intramontabile nel mondo del teatro e penso lo sarà sempre, come tutti i classici.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.Required fields are marked *

Puoi usare i seguenti HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.


Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it