“Sangue di donna” – poesia di Corrado Cioci

_______________
____________________
____________________
 
 
 
 
 

Titolo della poesia:

Sangue di donna

Grida,grida la donna il suo dolor
Al suolo alle origini dell uomo
Piange e si raccapriccia, della fatal ferita
Il sangue copre e muto resta ,
Mentre la vita lesta il corpo lascia
Cagione della carne che l ‘umor  stilla.
Le chiome sconce, il bel visin freddo
Mai più la gelida mano sfiorera  il petto.
Da lontano  il tempo unisce il terribil
Scanno, che delle fanciullette  fa pasto.
Di  odio s’ erge la mano, pria quella
Aveva dato  fedele abbraccio .
Perché dalla Roma che troneggia
I popoli  avea posto a suo  Corteggio,
Il Latin loquere  a sostegno del  mondo
Vallo e Regio
Lucrezia per non esser umile e viziosa
Per il cor di Collatino ,
Quando sestio  Tarquinio fece affronto
con morte, rese onor  al bel marito .
Govinezza  Che splendi or e dall’ infinito
Quando l’ uom divenne retto,non chino
Sempre le labra , gli occhi dai dolce respiro .
Ah Virginia, quanta e’ amara la vita
Puote esser tanto  aspra quanto il velen
Delle serpe che inganna.
Appio ti fu’ dolce il deridere
La puella?
Tirarla nel fango nella miseria ?
Quale libertà per te?
Solo la lama del padre ti rese  libera !
Si strazian le donne d ogni tempo
D ogni stampo per Amor
Negato  o imposto ,
Nel fosso, nel fuoco
L’ ingiusto  riposo .
Alla folle mente di nero
Che roma diede il trono
Per esser cenere
Al vento persa
Due  volte si macchio ‘
Dell indicibile impresa
Una alla poppa lo tenne
L’ altra al ventre  ricevette
Il pie’ ,
Madre ,perita,
Mai vide il volto del suo seno.
Narra il padre inglese
Sotto Elisabetta il suo
Trionfo  ,come otello
Per ira a Desdemona
Tolse il fiato .
Nel canto del fiorentino
Saggio dei tre regni
Pellegrino,
Nell infero passaggio
Geme  la sua Colpa
La cognata  per l’ ingiusto
Legaccio.
Madri ,donne  sorelle
Spose ,non siate mai più
Capretto  al macello !
Non tenete questo dolor
Che entro vi squassa
Cupido,qual freccia scagli ?
Come può esser vera passione
Se poi per ignoti sentieri vi reca ?
Può quella devozione esser scintilla
Di tanta rabbia?
Ove sono i sogni
le promesse di vecchiaia
Sotto un tetto,
Un unico letto finché l ‘Aria spira ?
Fuggite  non più date pegno
Il patto di anime e ‘sacro
Non si frange
Come cristallo al primo tocco.
Amor oh vero amor libero ,
Gaio sia chi alla tua mensa banchetta!
Si beva nei lieti calici.
Oh Apate torna nel tuo vaso,
Pandora già ti diede troppo guinzaglio !
Vengan  le verginette  tra fiori
E allori a sognar il giusto sposo !
Si levi un canto di giubilo
La vostra carne sarà intatta
Non sporca per l ‘altrui disio
Ma renderete le vesti
Sol quando per ragion del
Tempo, tutto tace, al suo silenzio

Autore della poesia: Corrado Cioci



Acquistare libri scritti da Corrado Cioci sul web

Puoi trovare online i libri di questo autore partendo da Amazon (link qui sotto) o da altre librerie digitali e fartelo arrivare a casa.


Leggere altre poesie di Corrado Cioci pubblicate su Infonotizia.it

Per leggere altre poesie pubblicate su Infonotizia.it scritte da Corrado Cioci effettua una semplice ricerca tramite il form apposito inserendo nella casella di ricerca specifica il nome stesso dell’autore e cliccando su “cerca”: visualizzerai in pochi secondi le pubblicazioni che stavi cercando.

   
_______

More Like This


Categorie


letteratura italiana

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Categorie