"Ricordo le mie strane avventure" – poesia Inuit sul kayak

kayak-inuit

Poesia anonima Inuit sul kayak

Ricordo le mie strane avventure,
quando sospinto dal vento
andavo alla deriva nel mio kayak.
Quando, credendomi in pericolo,
ero invaso dai timori,
quelli che erano così piccoli
e mi sembravano così grandi
per tutte le cose necessarie
che dovevo trovare e raggiungere.

Invece non esiste che una cosa
importante, la sola cosa:
vivere e vedere il grande giorno che spunta
e la luce che riempie il mondo.

Autore anonimo

Torna al menù “Letteratura Inuit” >>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*