Jean de Joinville e “la vita di San Luigi”: cronache dal medioevo

_______________

____________________
 
 
 
 
 

Jeanne de Navarre, nipote per matrimonio di Saint Louis e moglie di Filippo IV la Fiera, chiese a Jean de Joinville (1224 – 24 dicembre 1317) di scrivere la vita del santo re.  Joinville quindi iniziò a scrivere il “libro sulle parole sante e le buone azioni del santo Re Luigi” (o meglio il titolo francese è “livre des saintes paroles et des bons faiz de nostre saint roy Looÿs”, come lui stesso lo chiama), oggi designato come “La Vita di San Luigi”. Purtroppo però Jeanne de Navarre morì il 2 aprile 1305, mentre la stesura del libro non erano ancora finita. Joinville lo dedicò quindi nel 1309 al figlio, Louis le Hutin, re di Navarra e Conte di Champagne, futuro re Luigi X.

Ma cosa c’è di diverso nel libro di Jean de Joinville rispetto al resto delle opere prodotte nel medioevo? L’opera di Joinville è particolare perché Joinville è un cavaliere. Non è né un chierico intelligente nello scrivere libri, né un cronista addestrato alla ricerca di informazioni scritte o orali. Tuttavia, il suo approccio è sincero e disinteressato. Joinville riferisce in particolare ciò che sapeva personalmente del regno di Luigi IX, essenzialmente quindi scrive della crociata in Egitto e del soggiorno in Terra Santa. La sua storia è piena di vita, aneddoti e persino umorismo. È più una testimonianza personale del re che una storia del regno.

La freschezza e l’accuratezza dei suoi ricordi impressionano, soprattutto quando si tiene presente che ha scritto la sua storia diverse decine di anni dopo i fatti; alcuni medievalisti hanno spiegato questo ipotizzando che Joinville abbia spesso raccontato il suo passato e il suo rapporto con Luigi IX o che lo abbia registrato per iscritto.

Joinville ad ogni modo parla quasi tanto di se stesso quanto del re, che in teoria è il vero soggetto del suo libro, ma lo fa in un modo così naturale che non dà mai l’impressione di voler mettersi in avanti. Abbiamo così una luce incomparabile sul modo di pensare dell’uomo del tredicesimo secolo. Per questo motivo, i redattori moderni hanno talvolta esitato a designare il suo lavoro come le sue memorie piuttosto che come “Il libro sulle parole sante e le buone azioni del santo Re Luigi”.

La prima parte del lavoro di Joinville è dedicata alle sante parole del re. Joinville riporta quindi le osservazioni più importanti del re e le sue virtù cristiane, con l’idea di costruirne un resoconto fedele.

Andando a leggere la cronaca sulla vita di San Luigi di Joinville notiamo che le parole sono molto importanti per Luigi IX, il re santo; si potrebbe dire che la sua parola sia morale e didattica, come dopotutto accadeva allo stesso modo tramite quei predicatori (che dovevano essere probabilmente domenicani e francescani) di cui si circondava; il re trasmette un’educazione morale e religiosa ed i suoi discorsi sono spesso finalizzati a fortificare la fede dell’interlocutore. C’era una profonda intimità tra il re e i suoi parenti (familiari, confidenti, consiglieri, tra cui Joinville stesso e Robert de Sorbon) che veniva fuori particolarmente nelle conversazioni: il re invitava i suoi interlocutori a rispondere alle sue domande, spesso allo scopo di istruirli a livello morale e religioso. Questa importanza della parola è particolarmente ben riportata da Joinville; il suo è uno dei primi memoriali a integrare il dialogo ricostituito in una narrativa. Usa lo stile diretto molto spesso e segna gli interventi dei personaggi con annunci come “dice” o “ha detto”. Joinville non fa mai fare lunghi discorsi monologizzati ai suoi personaggi: le lezioni del re si presentano sempre dal dialogo.

D’altra parte, è attraverso le parole del re che emerge la sua profonda fede e santità. Per Joinville, Luigi IX incarnava l’ideale del “prud’homme”, allo stesso tempo devoto, coraggioso, buono, intelligente e saggio, un uomo che difende la fede cristiana con il suo coraggio. E infatti, nel lavoro di Joinville, emerge l’immagine di un re che ama ardentemente il suo Dio, benevolo per il suo popolo, umile, moderato e cortese, saggio e giusto, pacifico, leale e generoso. Per certi aspetti, Joinville a volte non è lontano dall’agiografia.

Anche Joinville, come il suo stesso re, era senza alcun dubbio molto legato alla religione cristiana e alle sue concezioni dottrinali e pratiche. La prova del suo profondo legame con la dottrina religiosa è un’opera di edificazione piuttosto breve, composta probabilmente nel 1250, e che Joinville intitola “li romans as ymages des poinz de nostre foi”. All’interno dell’opera lo stesso Joinville fa un breve commento riguardante il credo cristiano.

Nonostante Joinville sia profondamente e sinceramente legato alla fede e alla dottrina, è facile vedere all’interno della sua opera sulla vita di San Luigi il contrasto tra l’eroismo cristiano in un certo senso “esaltato” del re, che dopotutto è concepito dalla chiesa stessa come un santo e non un uomo qualsiasi di fede.

Mentre il re appunto è santo, il cristianesimo di Joinville è più “terra terra”, si potrebbe dire più vicino a quello dei comuni mortali.

Nella lettura è notevole come Joinville racconti oltre al carattere del re anche le sue azioni vere e proprie, cercando di mettere per iscritto tramite una prodigiosa memoria le gesta del re santo Luigi IX, curando ovviamente in particolare lo svolgersi della settima crociata e il soggiorno in Terra Santa che venne seguito alla stessa e che ovviamente, essendo la maggiore esperienza di contatto di Joinville col re occupa gran parte del suo libro.

Se Joinville non lavora come storico, è comunque abbastanza sincero. Quando deve menzionare fatti a cui non ha assistito, esprime riserve su ciò che riferisce per sentito dire e riporta sempre i “prestiti” che prende da altri cronisti.

Detto questo, ci si può chiedere se la presentazione generale dei fatti non sia condizionata dalla propria personalità, dalle sue concezioni e dalla sua ammirazione personale per il re; forse la sua nobile posizione e la sfiducia nel governo di Filippo il Bello avrebbe potuto indurlo a dare un esempio del modo in cui il governo di Luigi IX possa costituire un’immagine vicina a quella del sovrano ideale. Eppure il suo libro non è affatto un insegnamento organizzato, che considera le varie qualità e i vari doveri del sovrano. Comincia infatti dalla persona del re, l’oggetto del suo libro, ed esprime chiaramente che i successori del re farebbero bene a seguirne l’esempio, ma non va oltre: Joinville non scrive un’opera morale.

Per leggere il libro di Jean de Joinville in italianon puoi cliccare qui; per ascoltare invece alcuni estratti interessanti e una spiegazione molto avvincente puoi guardare il video del professor Alessandro Barbero; incorporato qui sotto da Youtube.

   

_______

More Like This


Categorie


letteratura

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Le pubblicazioni più recenti su Infonotizia.it:


 

 

Categorie


Cerchi un insegnante di ripetizioni vicino a casa?
Trovalo subito usando questo sito!

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it