Accettazione dei cookie



I numeri maya: sistema numerico maya, simboli e curiosità riassunte



I Maya usavano un sistema numerale basato sul venti (vigesimale); un sistema numerico che includeva solo numeri interi. Per operazioni semplici di conteggio veniva utilizzata una barra e una notazione a punti. Il punto rappresentava 1 e la barra rappresentava il 5. Veniva utilizzata una conchiglia per rappresentare zero.

Una delle possibili cause dell’introduzione dello zero è religiosa: per i Maya infatti la numerazione scritta aveva una grande importanza dal punto di vista del computo del tempo, e i sacerdoti avevano bisogno dello zero come segnaposto nei loro calcoli legati all’astronomia e al calendario.

I numeri da 6 a 19 sono invece formati combinando barre e punti. I numeri nel sistema numerale dei Maya possono essere scritti orizzontalmente o verticalmente. Ti consiglio di dare un’occhiata allo schema sui numeri maya proposto da Wikipedia.

Il valore di un numero dipende dalla posizione che assume; questa va dalla linea inferiore sino verso l’alto. Nella seguente riga, il valore del simbolo viene moltiplicato per 20; sulla terza linea dal fondo il numero viene moltiplicato per 400, e ogni linea successiva cresce moltiplicato di 20. Questo sistema posizionale permette il calcolo di grandi sistemi e proprio in funzione di questo ai maya il sistema era necessario anche per tenere conto del tempo coi calendari e per l’astronomia.

Il sistema di numerazione usato dai Maya era vigesimale (a base venti), posizionale e comprendeva l’uso dello zero.

I numeri erano rappresentati attraverso tre simboli, una conchiglia vuota, un punto (Frijolito o Maisito, cioè un chicco di mais) e una linea (Palito cioè una barretta di legno), che rappresentavano rispettivamente lo zero, l’uno e il cinque. Le cifre erano ordinate verticalmente: la cifra che rappresentava un valore più alto si trovava al livello grafico superiore.

A volte le cifre erano rappresentate come geroglifici i a forma di faccia. Si pensa che questi glifi rappresentassero la divinità associata al numero; questo uso è però raro, e testimoniato solo in alcune delle incisioni più elaborate.

In tutti gli esempi a noi giunti di rappresentazione di grandi numeri la base moltiplicativa per il terzo livello è 360 (18×20) anziché 400 (20×20). Si pensa che questo sia dovuto a motivi religiosi legati al loro calendario (360 è un numero vicino alla durata dell’anno), mentre il rapporto tra i livelli più alti riprende ad essere 20.

 

I numeri da 1 a 13, inoltre, erano divinizzati, e talvolta i Maya li raffiguravano sotto forma di volti. Ecco diverse rappresentazioni della cifra 1 nel 10, nel 19, e come unità. Puoi vederli nella sezione apposita di Wikipedia francese (sono le immagini delle teste stilizzate).

Questo sistema di numerazione era molto semplice per sommare e sottrarre (bastava aggiungere e togliere dei punti e delle aste), però non considerava le frazioni.

Vota questo articolo
[Voti: 0   Media: 0/5]

More Like This


Categorie


Matematica

Categorie





Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.


Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it