Commento e breve analisi di "Amare e bene velle"

Catullocatullo-e-lesbia

– Amare e bene velle –

Dicebas quondam solum te nosse Catullum,
Lesbia, nec prae me velle tenere Iovem.
Dilexi tum te non tantum ut vulgus amicam,
sed pater ut gnatos diligit et generos.
Nunc te cognovi; quare etsi impensius uror,
multo mi tamen es vilior et levior.
Qui potis est? inquis. Quod amantem iniuria talis
cogit amare magis, sed bene velle minus.

 

Commento e breve analisi di “Amare e bene velle”

Nella prima parte della poesia Catullo riconosce di aver amato Lesbia profondamente, quando anche lei dimostrava il suo amore, sottolineando il suo sincero sentimento verso di lei, nobile come quello di un padre che ama i suoi figli e i suoi generi.

Nella seconda parte della poesia finalmente Catullo ci rivela di aver aperto gli occhi e di riuscire a vedere più chiaramente ciò che è Lesbia, ora la conosce per quello che è: vilior et levior.

Però Catullo la ama ancora, brucia ancora dalla passione, e ce ne rivela presto il motivo: è questa offesa a lasciargli questo sentimento, a farlo ardere maggiormente d’amore ma a fargli volere meno bene.

In questo commento vorrei sottolineare che si apre un’altra volta quel dualismo tipico di Catullo: da una parte l’amore, dall’altra si sviluppa l’odio: è facile capire come “Amare e bene velle” sia la perfetta introduzione all’odio et amo Catulliano.

<<< Torna alla poesia tradotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*