Carme 32 (Catullo): traduzione in italiano e testo latino

_______________

____________________
 
 
 
 
 

Testo latino del carme 32 di Catullo

Amabo, mea dulcis Ipsitilla,
meae deliciae, mei lepores,
iube ad te veniam meridiatum.
Et si iusseris, illud adiuvato,
ne quis liminis obseret tabellam,
neu tibi lubeat foras abire,
sed domi maneas paresque nobis
novem continuas fututiones.
Verum si quid ages, statim iubeto:
nam pransus iaceo et satur supinus
pertundo tunicamque palliumque.

Traduzione in italiano del carme 32 di Catullo

Ti amerò, mia dolce Ipsitilla,
mia delizia, mia adorata,
fammi venire da te al pomeriggio.
E se lo farai, aiutami così,
non lasciare sprangata la porta,
nè ti sia gradito sgusciar fuori,
piuttosto resta in casa e preparati per
giacere nove volte assieme.
A dire il vero, suvvia, se lo vorrai, comandalo all’istante:
infatti io sono qui, dopo pranzo, sazio e coricato,
sfondo tunica e mantello.


Approfondimenti:

   

_______

More Like This


Categorie


letteratura latina

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

 

Categorie






 

Cerchi un insegnante di ripetizioni vicino a casa?
Trovalo subito usando questo sito!

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it