"A Sirmione" traduzione in italiano poesia di Catullo - carme 31 analisi testo - Infonotizia.it


“A Sirmione” traduzione in italiano poesia di Catullo – carme 31 analisi testo



A Sirmione, la poesia di Catullo tradotta in questa pagina è una bella penisola situata nel lago di Garda, un luogo caro a Catullo in quanto solito trascorrere numerosi soggiorni nella località, dove la sua famiglia possedeva una maestosa villa. Il lago su cui Sirmione si trova è indicato da Catullo come “Lydiae lacus undae”, in quanto si riteneva che il luogo fosse stato colonizzato in origine dagli Etruschi nei tempi precedenti all’invasione dei Galli nel territorio.

Poesia carme XXXI di Catullo “Sirmione” – testo in latino:

Paene insularum, Sirmio, insularumque
ocelle, quascumque in liquentibus stagnis
marique vasto fert uterque Neptunus,
quam te libenter quamque laetus inviso,
vix mi ipse credens Thuniam atque Bithunos
liquisse campos et videre te in tuto.
O quid solutis est beatius curis,
cum mens onus reponit, ac peregrino
labore fessi venimus larem ad nostrum,
desideratoque acquiescimus lecto?
Hoc est quod unum est pro laboribus tantis.
Salve, o venusta Sirmio, atque ero gaude
gaudente, vosque, o Lydiae lacus undae,
ridete quidquid est domi cachinnorum.

Traduzione poesia in italiano “A Sirmione” carme 31 di Catullo:

Perla delle penisole e delle isole,
o Sirmione, di tutte quelle che Nettuno sostiene,
nel mezzo di laghi cristallini e mare aperto,
entrambi, con quale entusiasmo,
con quale impazienza e felicità ti incontro nuovamente!

Quasi non credevo a me stesso, spostandomi
dai campi della Tinia e della Bitinia,
e rivedendoti, infine, senza alcun timore.

Oh cosa rende più beati,
che trovarsi spogli dalle preoccupazioni, quando l’anima
mette da parte il peso stanco del viaggio,
e ritorna a casa propria, e riposa
nel letto, tanto desiderato?
È questa, dopo immense fatiche, l’unica nostra ricompensa.

Salve, Sirmione bel mondo, tu felice
per il tuo padrone, e voi pure,
onde del lago lidio; si rida in casa,
qualsiasi cosa ci sia per cui ridere.

Analisi della traduzione della poesia di Catullo “A Sirmione”:

Analizziamo la poesia insieme: Catullo è in questo momento gioioso per il suo ritorno a casa e parla senza mascherare le proprie emozioni, in maniera limpida e sincera. Per Catullo tornare a Sirmione significa liberarsi dalle proprie ansie e dai propri problemi riprendendo finalmente le proprie energie ed eliminando la “labor peregrinus” (la fatica del cammino).

Nota alla traduzione: *Sirmione bel mondo = letteralmente si tradurrebbe “Sirmione graziosa”, o “Sirmione bella”.


Bibliografia consigliata su Catullo:

Approfondimenti consigliati:

More Like This


Categorie


letteratura letteratura latina

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.Required fields are marked *

Puoi usare i seguenti HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.



Cerchi un insegnante di ripetizioni vicino a casa?
Trovalo subito usando questo sito!

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it