La bellezza oggettiva secondo Kant: schema di filosofia

Cielo

Kant non ammette l’esistenza di una bellezza imparziale, questo perché la bellezza non è quantificabile con principi oggettivi, non è derivabile, non esistono una serie di regole che possano fissare  per sempre i criteri della bellezza.

La rosa è chiaramente una cosa bella, eppure questa bellezza non è misurabile come potrebbe essere invece la dilatazione di un corpo metallico a seguito di riscaldamento: il giudizio estetico per Kant è quindi un tipo di giudizio che non è oggettivo ma piuttosto soggettivo.

Ugualmente per Kant non sarebbe possibile nemmeno dare un giudizio soggettivo senza cadere nell’universalità; possiamo solo ipotizzare che seguendo la natura e determinate regole si possa arrivare a un risultato probabile, ma comunque ipotetico.


Approfondimenti consigliati:

Vota questo articolo

More Like This


Categorie


Filosofia

Categorie




Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it