Accettazione dei cookie



Cos’è la vigilanza prudenziale? Cos’è il patrimonio di vigilanza?




Definizione di vigilanza prudenziale

La vigilanza prudenziale (“prudential supervision”) è una metodologia di regole finanziarie, introdotta a partire, all’incirca, dalla fine degli anni ottanta del millenovecento, per mezzo del comitato di Basilea e più specificatamente tramite l’accordo di Basilea del 1988.

Per mezzo della regolamentazione prudenziale è possibile, per le imprese operanti nel settore finanziario, diminuire una parte dei rischi, operando l’impiego di ristrettive regole legate da rispettare riguardanti i requisiti patrimoniali, l’obbligo di limitare l’esposizione finanziaria in grandi concentrazioni, degli specifici requisiti di liquidità e l’imposizione di processi per la supervisione delle operazioni. L’utilizzo della regolamentazione prudenziale permetterebbe una migliore resistenza agli shock finanziari e agli stress test, contemplando regole che vadano a intaccare mediante la loro applicazione anche le politiche di regolamentazione macroprudenziale e di regolamentazione microprudenziale.

Fra le altre regole, la possibilità di detenere una certa disponibilità di mezzi propri, in maniera adeguata rispetto alle dimensioni dell’operatività, è un presidio che può ritenersi capace di diminuire in una certa misura l’insieme dei rischi connaturati allo svolgimento dell’attività bancaria

La viglanza prudenziale conduce verso l’implementazione di:

  1. Livelli minimi di patrimonio
  2. Coefficienti patrimoniali minimi obbligatori

Vengono pertanto seguite regole operanti verso:

  • L’adeguatezza patrimoniale;
  • Il contenimento del rischio;
  • L’identificazione e rispetto delle partecipazioni detenibili per legge;
  • L’ insieme di controlli di tipo interno;
  • L’insieme di controlli di tipo esterno.

A cosa serve la vigilanza prudenziale?

L’obiettivo della vigilanza prudenziale è quello di mantenere e conservare la stabilità, evitando tuttavia di limitare eccessivamente l’autonomia degli operatori.

Definizione di patrimonio di vigilanza

Il patrimonio di viglianza viene definito come la somma di patrimonio di base e di patrimonio supplementare.

Definizione di patrimonio di base

Il patrimonio di base a sua volta è costituito dal capitale versato, dalle riserve, dal fondo rischi bancari generali, dagli altri strumenti di capitale.

Definizione di patrimonio supplementare

Il patrimonio supplementare infine è costituito dalle riserve di rivalutazione, sommate al fondo rischi su crediti al netto degli elementi negativi, sommate dalle plusvalenze o minusvalenze (positive e negative) sulle partecipazioni, ai prestiti subordinati e agli strumenti ibridi di patrimonializzazione.


Approfondimenti consigliati:

Libri da acquistare online per approfondire l’argomento:

[amazon_link asins=’8862596367,8854887943,8846482263,3639656679,8823822262,8815259570,8823822149,8892113143,8815259082,8823831253′ template=’ProductCarousel’ store=’Infonotizia-21′ marketplace=’IT’ link_id=’2e925636-74da-4080-a1dd-d2eed43d5dc7′]

[amazon_link asins=’8838615519,888008383X,8838615225,8892113291,8891413305,1307376517,1308704321,1307076459′ template=’ProductCarousel’ store=’Infonotizia-21′ marketplace=’IT’ link_id=’111fbdc5-d50b-474c-9fca-1b3a42361da3′]

Vota questo articolo
[Voti: 0   Media: 0/5]

More Like This


Categorie


Economia

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it