Accettazione dei cookie



Uso del rosmarino, proprietà ed estrazione dell’olio dalla pianta




Il Rosmarino viene utilizzato:

*In cucina o nell’industria degli insaccati come Pianta aromatica

*Come Pianta_ornamentale nei giardini, per bordure, aiuole e macchie arbustive, o per la coltivazione in vaso su terrazzi

*Le foglie, fresche o essiccate, e l’olio essenziale, come Pianta medicinale

Nell’industria cosmetica come shampoo per ravvivare il colore dei capelli o come astringente nelle lozioni; nelle pomate e linimenti per le proprietà toniche.

Come insettifugo o deodorante ambientale nelle abitazioni, bruciando i rametti secchi

In profumeria, l’olio essenziale ricavato dalle foglie, viene utilizzato per la preparazione di ”’Colonie”’, come l’ “Acqua d’Ungheria.

Proprietà medicinali (ti invitiamo a prendere con le pinze questo tipo di informazione e rivolgerti sempre al tuo medico curante).

I rametti e le foglie raccolti da Maggio a Luglio e fatti seccare all’ombra, ricchi di Vitamina C, hanno proprietà aromatiche, stimolanti l’appetito e le funzioni digestive, stomachici, carminativi, utili nelle dispepsie atoniche e gastralgie, tonici e stimolanti per il sistema nervoso.

Lo sciroppo, l’infuso o il vino medicato di foglie, hanno proprietà tonico-digestive, a dosi elevate sono antisettici e abortivi.

Per uso esterno il macerato di vino applicato localmente è antireumatico; mentre il macerato di alcool revulsivo, viene usato per frizioni anche del cuoio capelluto.

L’infuso viene utilizzato per gargarismi, lavaggi e irrigazioni cicatrizzanti; o per cataplasmi antinevralgici e antireumatici; aggiunto all’acqua da bagno serve come corroborante e per tonificare la pelle.

I fiori raccolti da Maggio ad Agosto, hanno proprietà simili alle foglie; in infuso per uso esterno sono vulnerari, stimolanti, curativi della leucorrea e per la lotta ai pidocchi pubici.

Farmacologicamente, si prepara un’essenza e un’acqua contro l’alopecia o pomate curative per gli eczemi

L’estrazione dell’olio di rosmarino: come fare

Dalle foglie, in corrente di vapore, si estrae l’olio essenziale di rosmarino, liquido incolore o giallognolo, contenente Pinene, Canfene, Cineolo, Eucaliptolo, Canfora e Borneolo. A seconda del chemotipo della pianta vengono ottenuti diversi olii essenziali: uno ricco in eucaliptolo, un altro ricco di canfora ed infine uno in cui abbondano il borneolo ed i suoi derivati. Questi tre olii essenziali hanno differenti azioni farmacologiche in quanto il primo ha attività balsamica, il secondo antiinfiammatoria (soprattutto per uso locale) e l’ultimo è essenzialmente un antispastico.

Controindicazioni

Il rosmarino (specie l’olio essenziale ricco di canfora) è controindicato in persone che soffrono di epilessia.

Vota questo articolo
[Voti: 0   Media: 0/5]

More Like This


Categorie


Ambiente e architettura

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it