Accettazione dei cookie



“Tu chiamalo amore” – una poesia di Rosetta Sacchi



Questo pensiero che l’alba conduce

con mano assonnata, che fugge

si posa si leva nel vento, che muore

talvolta in un sussurro di foglie sul viale,

questo pensiero che lievita voglie

nel grembo, che sale e profuma

l’aria d’intorno, questo pensiero

ebbro e giocoso,  che si nasconde

e si svela più intenso,

forse è sogno o illusione soltanto

è uno scherzo o un salto nel vuoto,

questo pensiero che freme,

tu chiamalo amore.

Vota questo articolo
[Voti: 0   Media: 0/5]

More Like This


Categorie


letteratura

Categorie





Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it