Testo tradotto in italiano "To be or not to be" (The tragedie of Hamlet, prince of Denmarke)

 

<<< Torna al menù dei migliori testi di William Shakespeare

Testo del monologoTo be or not to be” riportato in inglese originale (Dall’ opera di Shakespeare del 1602 – The tragedie of Hamlet, prince of Denmarke)

 

To be, or not to be: that is the question:

Whether ‘tis nobler in the mind to suffer

The slings and arrows of outrageous fortune,

Or to take arms against a sea of troubles,

And by opposing end them? To die: to sleep;

No more; and by a sleep to say we end

The heart-ache and the thousand natural shocks

That flesh is heir to, ‘tis a consummation

Devoutly to be wish’d. To die, to sleep;

To sleep: perchance to dream: ay, there’s the rub;

For in that sleep of death what dreams may come

When we have shuffled off this mortal coil,

Must give us pause: there’s the respect

That makes calamity of so long life;

For who would bear the whips and scorns of time,

The oppressor’s wrong, the proud man’s contumely,

The pangs of despised love, the law’s delay,

The insolence of office and the spurns

That patient merit of the unworthy takes,

When he himself might his quietus make

With a bare bodkin? Who would fardels bear,

To grunt and sweat under a weary life,

But that the dread of something after death,

The undiscover’d country from whose bourn

No traveller returns, puzzles the will

And makes us rather bear those ills we have

Than fly to others that we know not of?

Thus conscience does make cowards of us all;

And thus the native hue of resolution

Is sicklied o’er with the pale cast of thought,

And enterprises of great pith and moment

With this regard their currents turn awry,

And lose the name of action. – Soft you now!

The fair Ophelia! Nymph, in thy orisons

Be all my sins remember’d.

 <<< Torna al menù dei migliori testi di William Shakespearehamlet-to-be-or-not.to-be <<< Torna al menù dei migliori testi di William Shakespeare

Testo del monologoTo be or not to be” riportato in italiano:

 

Essere, o non essere: questo è il problema:

che sia nel pensiero più nobile soffrire

i sassi e i dardi d’una crudele sorte,

o tendere le braccia contro un mare d’insidie,

e combattendo, porne fine? Morire: dormire;

niente più, e col sonno terminare

l’angoscia e i migliaia

di lasciti della carne, condizione

da accettare devotamente. Morire, dormire;

dormire: forse sognare: ahi, qui sta il problema;

perchè in questo sonno di morte quali sogni possono venire

quando abbandonata la mescolanza al groviglio mortale,

ci ferma questo pensiero: è il dubbio

che rende di così lunga vita tal miseria;

chi sopporterebbe le fruste e le derisioni del tempo,

le ingiustizie dell’oppressore, le insolenze dell’uomo orgoglioso,

le pene dell’amore disdegnato, l’indugio della legge,

l’arroganza dei poteri pubblici,

le offese fatte ai pazienti dagli immeritevoli,

quando uno, di propria mano, con un unico colpo,

potrebbe porre fine alla vita. col pugnale?

Chi vorrebbe trascinarsi tali fardelli,

brontolare e sudare sotto una vita affannosa,

se quel timore di qualcosa dopo la morte,

regione sconosciuta, dai cui confini

non esiste viaggiatore che torni indietro,

non scombinasse tanto la volontà,

da farci preferire sopportare

quei mali che già abbiamo,

piuttosto che gettarci verso l’ignoto?

In tal modo la coscienza ci rende vili:

e così la tonalità originaria della decisione

si scolora al rilesso pallido del pensiero,

e le imprese di grande vigore e momento,

per tal ragione deviano corso,

e perdono il nome di azione.

Ma silenzio adesso!
La leggiadra Ofelia!
Siano ricordati i miei peccati.

 

  <<< Torna al menù dei migliori testi di William Shakespeare

One thought on “Testo tradotto in italiano "To be or not to be" (The tragedie of Hamlet, prince of Denmarke)”

  1. Bellissimo testo di Shakespeare che continua anche dopo tutti questi secoli a rendere vivo il dialogo con se stessi e il desiderio a partecipare attivamente alla propria vita e a combattere contro il mare di onde insidiose che circonda la nostra esistenza.
    Leggendo la traduzione del testo di to be or not to be dell’Amleto ci si rende conto del fatto che gli uomini abbiano sempre avuto le domande fondamentali dell’esistenza in mente e che abbiano sempre provato a risAmo molto l’interpretazione che dà Shakespeare della domanda fondamentale “to be or not to be”: questo tramite la sua chiave di lettura, espressa tramite la bocca del suo personaggio Amleto, principe di Danimarca, rispondendovi in maniera da spronare il lettore a combattere le difficoltà della vita e a farsi valere: dopotutto nel caso in cui si debba davvero dormire un sonno infinito dopo la morte, che speriamo sia privo di incubi, è più che giusto darsi da fare per ottenere il massimo possibile da quello che si ha oggi, che è una risorsa fonte di gioia di cui stupirsi ogni giorno e da cui cogliere ispirazione e senso di appartenenza al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*