Accettazione dei cookie



“Sogni e altiforni – Piombino – Trani senza ritorno” – recensione del libro




  • Titolo del libro: Sogni e altiforni – Piombino – Trani senza ritorno
  • Autori del libro: Gordiano Lupi, Cristina De Vita
  • Edizioni A.Car
  • Data: 2019
  • Numero di pagine: 319
  • Vedi su Amazon.it

Recensione

Giordano Lupi e Cristina de Vita sono gli autori di un brano scritto a quattro mani e ambientato nella Piombino di oggi. Il protagonista indiscusso è un ex calciatore di successo, Giovanni.

Attorno a Giovanni, protagonista anche dell’opera precedente, intitolata “Calcio e Acciaio”, ruotano alcune persone che fanno da sfondo al racconto principale. L’amata madre, con la quale vive in una villa affacciata sul mare. Vecchi amici storici, con i quali condivide la sua passione, ed infine Debora, donna dei suoi sogni, spesso nominata e ricordata come un amor perduto.

Tutto il libro è incentrato sui racconti dell’ex calciatore, famoso un tempo, ma del quale ora, anche agli occhi di se stesso, rimane solo un ricordo sbiadito. Racconti di quello che era, nel bene e nel male. Ricordi di una gioventù volata troppo in fretta; sfuggita di mano per inseguire un sogno, senza fare i conti con quello che sarebbe stato dopo.

Il calcio e Debora sono le poche emozioni (dolci e amare) scaturite in uomo che, abbattuto dagli anni che passano, si autodefinisce uno spettatore annoiato della vita. Il brano scorre tra le riflessioni del protagonista sulla propria vita e sui cambiamenti avvenuti.
Mutamenti che inesorabilmente hanno colpito tutti, l’anziana madre, sempre in gamba, ma non più in grado di svolgere tutto da sola; la città e gli storici luoghi di ritrovo, oramai straformati in luoghi tristi e squallidi.

La società, la politica e il calcio, sua unica ed insostituibile passione. Il fato, o meglio, il calcio stesso, farà rincontrare quell’amore perduto, dando all’uomo la possibilità di rivedere la sua Debora, non più la fanciulla lasciata a Trani decenni prima per andare a giocare in una grande squadra, ma oramai, una madre, una nonna. Ma soprattutto una donna, una donna che si racconta, ritornando a sua volta con la mente a quegli anni passati. Quegli anni in cui sperava di poter vivere il suo futuro con Giovanni. Una vita in salita la sua, tra speranze naufragate, amori perduti e batoste da incassare da sola.

Durante la lettura ci si sente immersi dalle storie, trascinati dalle emozioni e da i ricordi prima di Giovanni e poi di Debora, intrisi entrambi di una malinconia costante e penetrante, di un tempo oramai perduto.

Autrice della recensione: Dalila Vignetta

Vota questo articolo
[Voti: 0   Media: 0/5]

More Like This


Categorie


Recensioni

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it