Recensione libro "Sciroppo di Rose: la tradizione ligure delle rose antiche"

 

Sergio Rossi, edizioni Sagep, 2014, pagg. 96, euro 7,90

Nome del libro: SCIROPPO DI ROSE: la tradizione ligure delle rose antiche

Recensione del libro:

Già dal titolo si pregustano dolci sapori in un’atmosfera soffusa di intenso e pervadente profumo di

rose. Io adoro le rose sin da bambina. Se, ai tempi della mia gioventù, avessi deciso di fare un

esproprio proletario lo avrei fatto unicamente per cogliere una rosa da un giardino. Potete pertanto

immaginare quanto piacere possa avermi fatto avere l’occasione di leggere questo libro che, in un

formato quasi tascabile, coniuga la coltivazione e l’utilizzo delle rose in tutti i modi, tempi e

declinazioni e, nell’ottica della globalizzazione, affianca al testo in italiano la traduzione in inglese.

Esso offre al lettore la possibilità di sorseggiare un cocktail unico nel suo genere e assai pregiato

dagli ingredienti scelti, dosati e mixati con maestria. Si spazia dapprima dai tempi antichi sino ad

oggi e in ogni Paese che si affaccia sul Mediterraneo per conoscere usi e costumi in relazione

all’utilizzo del fiore, per antonomasia, prezioso e unico nel suo genere e nelle sue tante e sempre in

divenire varietà. Si constata, con soddisfatto stupore, la comunanza di usi e costumi fra popoli

storicamente divisi e nemici fra loro grazie a questo meraviglioso fiore i cui usi sono stati tanti e

così svariati da lasciare strabiliati e dare nuovo stimolo a farli propri. Infine, venendo alle tradizioni

più vicine a noi che abitiamo in Liguria sul mare o nell’entroterra, numerose ricette ci riportano ai

tempi dei nonni e bisnonni quando tutto si faceva in casa con sapiente abilità e tanta dedizione e

pazienza. Si respira dapprima odore di buono immersi in un sogno onirico per raggiungere poi uno

stato trascendentale grazie al repentino riaffiorare dei propri ricordi. Io, per esempio, quasi per

incanto mi sono ritrovata nel cortile della casa di campagna della nonna in un rinnovato idillio. Mi é

bastato risentire il profumo di “erba Luisa” il quale a guisa di “macchina del tempo” mi ha

magicamente riportata ad allora… ed ecco riapparirmi le tante piante di rose e non solo che

contribuivano a rendere quel luogo ai miei occhi incantevolmente magico. È un libro che si può

leggere e rileggere ogni volta che ci si voglia proiettare in una dimensione personale della quale,

ultimamente, io sento maggiormente il bisogno e che denomino “il mio giardino dell’anima”

intendendo un mio spazio riservato e personale, un compendio di cose belle e piacevoli soffuse di

luci tenui e pervase di musiche paradisiache. Buona lettura a tutti!

 

Autrice: Marina Zilio

One thought on “Recensione libro "Sciroppo di Rose: la tradizione ligure delle rose antiche"”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*