Accettazione dei cookie



Schema riassuntivo prima rivoluzione industriale – in breve




In questo articolo sono elencate le mappe concettuali e gli schemi rissuntivi sulla prima rivoluzione industriale pubblicati sul sito.

Schema sulla prima rivoluzione industriale

Quando avvenne la prima rivoluzione industriale? Nella seconda metà del 1700.

Dove avvenne? Prima in Inghilterra, poi in Belgio e diffusione nel continente Europeo e negli USA

Quali furono i settori interessati? Settore tessile e metallurgico

Quali furono le invenzioni?

  1. Macchina filatrice a vapore (chiamata “giannetta” e inventata da James Hargreaves, con brevetto nel 1770),
  2. Filatoio automatico (chiamato “mule” ed inventato da Samuel Crompton nel 1779),
  3. Spoletta volante (inventata da John Kay), macchina a vapore (inventata da James Watt)

Quali furono le cause della prima rivoluzione industriale?

  1. Picco demografico,
  2. Aumento degli investimenti in macchinari agricoli, nuove tecniche agricole
  3. “Enclosures acts” (leggi sulle recinzioni)
  4. Aumento della domanda e del prezzo di beni alimentari
  5. Vittoria nella guerra dei 7 anni

Cause secondarie della prima rivoluzione industriale

  1. Abraham Darby inventa un modo per utilizzare il carbone coke per la produzione di ghisa
  2. Costruzione di nuove strade e canali
  3. Stabilità monetaria, sviluppo del sistema bancario inglese, creazione del debito pubblico

Cos’è la macchina a vapore?

Si tratta di una macchina inventata da James Watt fra il 1763 ed il 1775, migliorando la macchina di Newcomen, che permetteva una meccanizzazione del lavoro, per mezzo del vapore, generato usando come combustibile il carbone.


Approfondimenti consigliati:

Vota questo articolo
[Voti: 1   Media: 5/5]

More Like This


Categorie


Storia

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it