Risarcimento del danno derivante da concorrenza sleale – appunti diritto commerciale

Diritto-commerciale-appunti

Secondo l’articolo 2600 del codice civile  “Se gli atti di concorrenza sleale sono compiuti con dolo o con colpa, l’autore è tenuto al risarcimento dei danni. In tale ipotesi può essere ordinata la pubblicazione della sentenza. Accertati gli atti di concorrenza, la colpa si presume.”

Si ricorre quindi al giudice, la sentenza consiste nell’ambizione alla prosecuzione dell’attività qualificata come concorrenza sleale, quindi tale attività viene vietata, e il giudice predispone opportuni provvedimenti affinchè gli effetti di tale condotta vengano eliminati.
La sanzione, che consiste nell’ambizione dell’attività qualificata come concorrenza sleale, opera a prescindere dallo stato soggettivo di chi ha compiuto atti di concorrenza sleale che deve dimostrare di aver agito senza colpa. Chi ricorre deve eventualmente dimostrare il dolo.

Utile è ricordare a questo punto la differenza fra colpa e dolo.

La colpa sussiste quando l’autore del fatto, pur agendo con volontà, non ha in alcun modo preso coscienza delle conseguenze della sua azione e, allo stesso tempo, l’evento pregiudizievole si verifica a causa della negligenza o imprudenza o imperizia dell’agente stesso, ovvero a causa della sua inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline;
il dolo sussiste quando l’autore del fatto agisce con volontà ed è cosciente delle conseguenze della sua azione od omissione.
Le azioni volte a reprimere le condotte di concorrenza sleale che pregiudicano gli interessi di una categoria professionale, possono essere esercitate anche dalle associazioni di tali categorie professionali, e dagli enti che rappresentano la categoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*