Riassunto della battaglia di Zama con strategie, schieramenti delle truppe e schema tattico

_______

Ci restano due tradizioni sulla battaglia di Zama: una di Livio e Polibio, seguita dalla maggior parte degli storici moderni, l’altra di Appiano e Cassio Dione, meno attendibile e meno seguita, che però ha un suo sostenitore, il Saumagne. Le differenze tra le due versioni sollevano difficoltà di ordine topografico, strategico, tattico, numerico e cronologico. I testi antichi, anche quelli storici, mancano di obbiettività e rigore: spesso le fonti degli storici erano opere epiche e letterarie che si basavano sulla fantasia; ma anche quando erano documenti scritti da generali, l’attendibilità era viziata dalla volontà del condottiero di costruirsi la gloria più sulla carta che sui campi di battaglia. Nei resoconti di Zama questi dubbi sono ad un livello tale che alcuni storici hanno supposto una lacuna nel testo storico (Veith) o un’alterazione dell’ordine dei movimenti nel corso della battaglia (De Sanctis).

18 OTTOBRE 202 a.C. : LA BATTAGLIA DI ZAMA.

Fu l’epilogo della seconda guerra punica e ridimensionò l’immagine di Cartagine quale potenza militare e politica del Mar Mediterraneo. Fu combattuta, in una conca quasi circolare di alcuni chilometri di estensione, tra le truppe romane e cartaginesi in località Naraggara ma è più nota come battaglia di Zama. Le due forze si erano già affrontate anni prima, con Roma che ne uscì vittoriosa e rafforzata, ma nel 218 a.C. l’esercito cartaginese guidato da Annibale Barca, era tornato e aveva sbaragliato a più riprese le legioni romane.
Grazie all’intervento di un altro grande generale, Publio Cornelio Scipione , però, i Romani riuscirono a ridestarsi, ricacciando fuori dalla penisola italica i Cartaginesi e giungendo infine a questa battaglia.

Prima dello scontro Scipione ed Annibale ebbero un colloquio privato nello spazio tra i due eserciti. Sicuramente il cartaginese compì un tentativo di concludere una pace che però Scipione reputò troppo vantaggioso per il nemico anche alla luce del fatto che a Roma esigevano una punizione esemplare per Cartagine.
Annibale schierò le sue truppe migliori, compresa la cavalleria numidica e i celeberrimi elefanti da guerra . Scipione vi contrappose un esercito meno numeroso, alcune fonti concordano in circa 35mila romani contro quasi 40mila Cartaginesi, ma meglio schierato.
La fanteria delle legioni romane era infatti composta da manipoli , nuclei di combattenti divisi a loro volte in due centurie , ciascuna contente 60/80 guerrieri . Questi manipoli erano suddivisi a seconda dell’ armamento e del livello di esperienza dei soldati .

I velites erano i soldati posti sul fronte dei manipoli per scagliare i loro giavellotti contro il nemico e poi ritirarsi tra le file amiche Gli hastates erano soldati più giovani e irruenti, adatti al primo impatto con il nemico, che combattevano con le lance e spade leggere. I princeps avevano armature più pesante rispetto agli astati e facevano parte della seconda ondata. I triares erano i veterani, i combattenti più esperti che attendevano nella retroguardia per intervenire solo in caso di bisogno. Scipione schierò i manipoli non a scacchiera ma allineandoli in modo che si formassero dei corridoi nei quali gli elefanti potessero passare senza fare troppi danni .

Proprio gli elefanti furono una chiave di svolta per lo scontro, poiché i romani usarono grida e trombe dal suono acuto per spaventarli e costringerli così ad una fuga disordinata che devastò la cavalleria numidica di Annibale.
Nonostante ciò le truppe cartaginesi seppero riorganizzarsi e diedero parecchio filo da torcere alle stanche truppe romane.
Decisivo per i romani fu però l’apporto della cavalleria che riuscì a disperdere gli avversari numidici e tornò a dare poi manforte a Scipione nell’accerchiare il grosso dell’esercito cartaginese.
Annibale, sconfitto, riparò ad Adrumeto e poi a Cartagine in attesa di trattare la pace con Roma.

   
_______

Altri articoli da leggere:

More Like This


Categorie


Storia

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Categorie




Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it