Te recuerdo como eras en el último otoño – poesia di Pablo Neruda (traduzione)

_______

Te recuerdo como eras en el último otoño traduzione poesia pablo neruda

Pablo Neruda è stato un poeta cileno vincitore di numerosi riconoscimenti letterari fra cui il premio Nobel per la letteratura. Ha lavorato come diplomatico ed è stato un membro attivo del partito comunista; l’impegno politico si riflette spesso nelle sue opere. Pablo Neruda è stato ampiamente conosciuto per le sue opere “Venti poesie d’amore e una canzone disperata” e “Cento sonetti d’amore”.

La poesia tradotta in questa pagina si intitola “Te recuerdo como eras en el último otoño“, in italiano “Ti ricordo come eri nell’ ultimo autunno.” e fa parte della raccolta di poesie “20 poemas de amor y una canción desesperada” (20 poesie d’amore e una canzone disperata) dello scrittore cileno Pablo Neruda.

Neruda include il tempo come un fattore che fa invecchiare e morire facendo tutti gli esseri e i fenomeni della vita; la realtà è un processo permanente di disintegrazione. Questa intuizione di base delle connotazioni negative dei simboli del movimento (giorno, ora, stagioni , la luce, l’acqua che scorre) e le connotazioni positive delle immagini di immobilità che rappresentano il fondamento della sua lirica sorgere ( la notte , le pietre , il nero , il buio).

<<< Torna all’elenco delle poesie di Pablo Neruda

Testo spagnolo e traduzione in italiano della poesia “Te recuerdo como eras en el último otoño” (Ti ricordo come eri nell’ ultimo autunno) di Pablo Neruda:

Te recuerdo como eras en el último otoño.
Eras la boina gris y el corazón en calma.
En tus ojos peleaban las llamas del crepúsculo.
Y las hojas caían en el agua de tu alma.

Ti ricordo come eri nell’ ultimo autunno.
Eri il berretto grigio e il cuore in calma.
Nei tuoi occhi lottavano le fiamme del crepuscolo.
E le foglie cadevano nell’ acqua della tua anima.

Apegada a mis brazos como una enredadera,
las hojas recogían tu voz lenta y en calma.
Hoguera de estupor en que mi sed ardía.
Dulce jacinto azul torcido sobre mi alma.

Stretta alle mie braccia come un rampicante,
le foglie raccoglievano la tua voce lenta e in calma.
Fuoco di stupore in cui la mia sete ardeva.
Dolce giacinto azzurro attorto alla mia anima.

Siento viajar tus ojos y es distante el otoño:
boina gris, voz de pájaro y corazón de casa
hacia donde emigraban mis profundos anhelos
y caían mis besos alegres como brasas.

Sento viaggiare i tuoi occhi ed è distante l’autunno:
berretto grigio, voce d’ uccello e cuore di casa
verso cui emigravano i miei profondi aneliti
e cadevano i miei baci allegri come brace.

Cielo desde un navío. Campo desde los cerros.
Tu recuerdo es de luz, de humo, de estanque en calma!
Más allá de tus ojos ardían los crepúsculos.
Hojas secas de otoño giraban en tu alma.

Cielo da un naviglio. Campo dalle colline:
il tuo ricordo è di luce, di fumo, di stagno in calma!
Oltre i tuoi occhi ardevano i crepuscoli.
Foglie secche d’ autunno giravano nella tua anima

<<< Torna all’elenco delle poesie di Pablo Neruda

Se vuoi sentire la pronuncia corretta con cui leggere questa poesia di Pablo Neruda allora utilizza questo video:

   
_______

Altri articoli da leggere:

More Like This


Categorie


letteratura letteratura cilena

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>



Categorie




Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it