Recensione film “World Invasion (Battle: Los Angeles)” di Jonathan Liebesman

_______________
____________________
____________________
 
 
 
 
 

Nel 1996, Rolald Emmerich presenta al mondo “Indipendence Day”, inaugurando, grazie alle allora nascenti tecniche di ripresa in computer grafica, un filone cinematografico inedito per il tempo: un riuscito mix tra fantascienza e kolossal hollywoodiano. Emmerich proseguirà la sua carriera all’insegna dei cosiddetti disaster movie (“The Day After Tomorrow”, “2012”) ma il suo lascito influenzò le future generazioni di cineasti. Il papà di tutte le invasioni aliene elaborò infatti una formula magica per un successo garantito al botteghino: effetti speciali spettacolari, personaggi mostruosamente stereotipati, possibilmente bloccati in una trama semplice, quasi banale, dove gli alieni invasori, accuratamente tenuti alla larga dalla macchina da presa, sono i cattivi, e la cavalleria arriva per direttissima, guidata dal presidente in persona, primo patriota, gran picchiatore nonchè pilota di caccia da combattimento e abile oratore. Insomma morto John Ford pensavamo di aver estirpato il patriottismo dal cinema ma si sa che l’erba cattiva non muore mai…

Nomination per l’attore Michael Peña nella categoria Favorite Movie Actor e nomination per l’attrice Michelle Rodriguez nella categoria Favorite Movie Actress agli ALMA Awards. Inoltre, il compositore Brian Tyler ha vinto il premio BMI.

Present day

Liebesman decide che dopo ‘Cloverfield’ e ‘Skyline’ era arrivata l’ora riproporre lo sfruttatissimo tema dell’invasione aliena: forte del lavoro già svolto dal suo mentore Emmerich decide di non dire la sua sul suo film, e questo lo si intuisce già dalla scelta del titolo, che non brilla per originalità. Andando a leggere tra le fila dei protagonisti poi scopriamo che Aaron Eckhart (‘Thank you for smoking’ ‘The black dahlia’) è il protagonista; inorridisco al pensiero che la sua faccia monolitica e inespressiva occluderà lo schermo per tutti e 120 i minuti di proiezione (tanto dura il film). Mi faccio forza pregustando almeno degli effetti speciali, davvero speciali; speranza vana, il film è palesemente girato al risparmio e punta tutto sulla ‘veridicità’ del conflitto a terra, dove un gruppo sparuto di soldati tenterà strenuamente di difendere Los Angeles dell’invasione aliena (a proposito gli alieni sono veramente anonimi, per lo più li si vede rivestiti da armature metalliche). Lo stile di regia e la stessa fotografia poi sembrano pesantemente prelevati da ‘Black hawk down’, senza però la cruenza caratteristica del film di Ridley Scott.

Viene da chiedersi il perchè di questo film, ma il sospetto che dietro questa produzione ci sia stato il tentativo di cavalcare l’onda del successo di ‘Crysis 2’ (videogioco di successo dove i Marines combattono per cacciare gli alieni invasori, incredibilmente simili a quelli del film, questa volta da New York) è forte.

^recensionivideogames(com)*

Ecco il trailer del film:

Titolo originale Battle: Los Angeles
Lingua originale: inglese
Paese di produzione: USA
Anno: 2011
Durata del film: 116 min
Gener0: azione, fantascienza, guerra
Regia: Jonathan Liebesman
Soggetto: Chris Bertolini
Sceneggiatura: Chris Bertolini
Produttore: Ori Marmur, Neal H. Moritz
Produttore esecutivo: David Greenblatt, Jeffrey Chernov
Casa di produzione: Columbia Pictures, Original Film, Relativity Media
Distribuzione (Italia): Sony Pictures
Fotografia: Lukas Ettlin
Montaggio: Christian Wagner
Effetti speciali: Hydraulx, Everett Burrell
Musiche: Brian Tyler
Scenografia: Peter Wenham
Costumi: Sanja Milkovic Hays

Interpreti e personaggi

Aaron Eckhart: Serg. Michael Nantz
Michelle Rodriguez: Serg. Elena Santos
Ramón Rodríguez: Ten. William Martinez
Ne-Yo: Caporale Kevin Harris
Bridget Moynahan: Michele
Will Rothhaar: Caporale Imlay
Cory Hardrict: Caporale Lockett
Jim Parrack: Caporale Peter J. “Irish” Kerns
Gino Anthony Pesi: Caporale Nick Stavrou
Taylor Handley: Caporale Simmons
Noel Fisher: Soldato Lenihan
James Hiroyuki Liao: Caporale Mottola
Adetokumboh M’Cormack: Corpsman Adukwu
Michael Peña: Joe Rincon
Bryce Cass: Hector Rincon
Lucas Till: Caporale Grayston
Joey King: Kirsten
Taryn Southern: Katie

Doppiatori italiani

Fabrizio Pucci: Serg. Michael Nantz
Rossella Acerbo: Serg. Elena Santos
Stefano Crescentini: Ten. William Martinez
Fabrizio Manfredi: Caporale Kevin Harris
Eleonora De Angelis: Michele
Fabrizio De Flaviis: Caporale Imlay
Simone Crisari: Caporale Lockett
Andrea Mete: Caporale Peter J. “Irish” Kerns
Gianfranco Miranda: Caporale Nick Stavrou
Davide Perino: Soldato Lenihan
Emiliano Coltorti: Caporale Mottola
Massimiliano Virgilii: Corpsman Adukwu

 

Effetti speciali nel film

Mentre Liebesman cercava di usare gli effetti pratici quando possibile (nonostante lo schermo verde e il CGI fossero usati), come per le esplosioni, il 90% degli alieni sono generati al computer, poiché il regista pensava che sarebbe stato troppo difficile ottenere lo stesso risultato usando un altro modo. Gli invasori furono progettati da Paul Gerrard, che li fece apparire “molto alieni”, né artropodi né vertebrati, mentre Liebesman li descriveva come “alieni che cercando il genocidio e … ci guardano come guardiamo noi le formiche”. Liebesman voleva che gli alieni funzionassero come un vero esercito, completo di medici e diversi ufficiali di grado, e usando tattiche come mettersi al riparo per proteggersi. Liebesman ha anche confermato che gli alieni nel film stanno invadendo il pianeta per via delle risorse naturali della Terra, in particolare perché la Terra è ricoperta per il 70% di acqua

   
_______

More Like This


Categorie


Film

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Categorie


Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it