Recensione del libro "La strategia dell'inganno (1992-93) - Le bombe, i tentati golpe, la guerra psicologica in Italia" - Infonotizia.it


Recensione del libro “La strategia dell’inganno (1992-93) – Le bombe, i tentati golpe, la guerra psicologica in Italia”




    • Titolo del libro: “La strategia dell’inganno (1992-93) – Le bombe, i tentati golpe, la guerra psicologica in Italia”
    • Autrice del libro: Stefania Limiti
    • Casa editrice: Chiarelettere
    • Anno di pubblicazione: 2017
    • Pagine: 255
    • Prezzo: vedi su Amazon

Recensione del libro:

Stefania Limiti, giornalista professionista laureata in scienze politiche, ci porta addentro ad uno dei periodi più oscuri del nostro paese. Testo di spessore non indifferente e non adatto a qualsiasi lettore per la complessità di collegamenti e la moltitudine dei soggetti presi in causa. Grazie alle sue ricerche, indagini, letture di sentenze, ci aiuta a ripercorrere i tragici episodi che hanno sconvolto l’Italia negli anni novanta.

Passando dal golpe Nardi, al progetto di assalto alla sede Rai, le stragi di Milano, Firenze e Roma, gli scandali del Sismi e del Sisde. Tutte situazioni e azioni avvenute in modo ancora poco chiaro e con una connessione temporale tra gli eventi, modalità di esecuzione e conseguenze scaturite, che lascia tuttora perplessi. Un inquietante e drammatico quadro di come la possibile collusione tra stato e mafia, questa possibile coabitazione clandestina e spudorata, contrastata da eroici funzionari dello stato, possa aver agito in simbiosi per la destabilizzazione di un’intera nazione. Un aspetto determinate in questo contesto descritto leggendo il libro è come forze oscure potrebbero aver operato dietro le quinte con l’obbiettivo di influenzare l’opinione pubblica attraverso operazioni psicologiche, disinformazione e propaganda, costruzione di bufale e false prove.

Leggendo il libro si intuisce come l’obbiettivo potrebbe essere stato quello di riuscire a modificare la condotta degli individui anche tramite messe in scena, con lo scopo di destabilizzare persone e istituzioni, mandando in tilt i sistemi di difesa e facendo perdere di credibilità allo stesso apparato nazionale. La guerra non convenzionale dopotutto si basa sul terrore, non si difende il proprio territorio, ma si opera contro forze e movimenti ritenuti pericolosi per la propria sicurezza nazionale, per provocare una paura paralizzante nella società civile.

Un inquietante viaggio dietro le quinte di un paese, con organi dei servizi segreti in lotta tra di loro a discapito della sicurezza nazionale, soldi, tantissimi soldi, prelevati dalle casse dello stato; tavoli di trattativa nei quali lo scopo comune si ipotizza possa essere stato quello di far fuori chi si fosse messo sul loro cammino, persino con destabilizzazioni pubbliche per creare terrore nella popolazione. Una triste serie di ricostruzioni e ipotesi di quello che accadeva 30 anni fa, con la paura e la convinzione che dietro possano essersi celati personaggi pronti a tutto pur di ottenere i propri obbiettivi e intenzionati a non fermarsi davanti a nulla.

Autrice della recensione: Dalila Vignetta

Altri libri da scoprire di Stefania Limiti

More Like This


Categorie


Recensioni

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.Required fields are marked *

Puoi usare i seguenti HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.



Cerchi un insegnante di ripetizioni vicino a casa?
Trovalo subito usando questo sito!

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it