Rappresentanza e procura in diritto privato – appunti

Diritto-commerciale-appuntiEsercitati col nostro test di diritto privato online: è gratis >>>

Il potere del rappresentante di sostituirsi al rappresentato, manifesta una volontà e forma un accordo che produce effetti nella sfera giuridica di quest’ultimo, questo potere è conferito attraverso l’atto di “procura” (atto unilaterale) rivolto a terzi, costitutivo del potere di rappresentanza. Il requisito di forma è quella prescritta per l’atto che il rappresentato dovrà compiere, si può ricavare quindi anche una prova tacita. Il rappresentato deve avere capacità di agire richiesta per l’atto (parte sostanziale), il rappresentante deve manifestare la volontà di contrattare e deve perciò essere capace di intendere e volere (parte formale).

Il rappresentante può agire solo nei limiti della procura e nell’interesse del rappresentato, se eccede i limiti o ne è sprovveduto (falso procuratore) si ha l’eccesso di potere senza legittimazione, solo la ratifica può determinare l’efficacia del contratto che può essere espressa da dichiarazione che ha la forma richiesta per la procura o tacita con la spontanea esecuzione del contratto. In mancanza di ratifica il contratto è inefficace. La procura è di regola revocabile ma va portata a conoscenza di terzi con mezzi idonei.

Esercitati col nostro test di diritto privato online: è gratis >>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*