Questo è il vero volto delle guerre

(Video dal canale di un italiana (Rosa) che ha deciso di restare a Gaza.)
Questo è IL VERO VOLTO DELLE GUERRE: bambini che piangono (almeno questo è ancora vivo) SENZA SAPERE da chi sono stati feriti o per che cosa.

E poi ci stupiamo se diventano, insomma, dei terroristi.

Nella povertà e nella sofferenza.

Le guerre, ma dico tutte le guerre, sono stupide. E noi cosa facciamo? Voltiamo il capo finchè abbiamo altro da guardare.

Cambiamo canale, per così dire…

D’altronde se ognuno di noi stesse a pensare sempre a certe cose si rovinerebbe la giornata perchè certi problemi non sono solo nostri ma del mondo intero, e sono gravi.

D’altronde le persone che si scoraggiano e alla fine se ne fregano lo fanno perchè non sanno che questi problemi vanno risolti insieme e non da soli ampliando il punto di vista della gente e sensibilizzandola: abbiamo i mezzi, ma NON ABBIAMO LA VOGLIA.

Ammetto di non averne tanta nemmeno io.

ALMENO  però bisogna sapere CHE ESISTONO certi problemi di cui non parla nessuno.

Io non dico solo i problemi di Israele e Gaza ma anche del MALI e del MAROCCO, della SIRIA, dell’ETIOPIA, del MADAGASCAR, dell’ERITREA, della SIRIA, della SOMALIA, del SUDAN, della COLOMBIA, dell’UGANDA, dell’IRAQ, del NEPAL, della CECENIA, della GEORGIA e di tutte quelle nazioni (credetemi sono veramente tante) i cui popoli non possono vivere in pace.

Il titolo che dovrebbe uscire ogni giorno in prima pagina è  “Solo oggi più di 25.000 persone muoiono di fame e c’è ancora guerra come tutti i giorni”.

Bisogna informarsi e svegliarsi! Abbiamo la memoria corta!

Volete un esempio? Avete idea di cosa stia succedendo attualmente in Libia?

Ah ma adesso i telegiornali non ne stanno più parlando (sempre che oggigiorno i telegiornali parlino veramente di qualche cosa) perchè è roba poco importante.

La domanda che mi pongo io è: poco importante per chi?

Con questo non intendo dire che i giornali dovrebbero depirmere più di quanto non lo facciano già riportandoci solo brutte notizie ma che si debba prendere atto di quelle cattive che alla fine ogni giorno sono sempre le stesse.

Simone

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*