Non potho reposare – canzone tradizionale sarda – musica italiana

Salvatore “Francesco” Sini fu lo scrittore sardo (e italiano) che scrisse “Non potho reposare” durante la prima metà del novecento.

Nacque a Sarule da una famiglia di pastori, studiò a Nuoro e in seguito conseguì la laurea in giurisprudenza a Cagliari nel 1904.; fu uno dei contestatori della guerra in Libia.

Rosso = testo originale sardo

Blu = traduzione in italiano

Socialnetca sardegna

Non potho reposare – canzone tradizionale sarda

Non potho reposare amore e coro
pensende a tie soe donzi momentu.
No istes in tristura prenda e oro
né in dispiacere o pessamentu.
T’assicuro ch’a tie solu bramo,
ca t’amo forte t’amo, t’amo, t’amo.

Non posso riposare, amore e cuore,
sto pensando a te ogni momento.
Non essere triste gioiello d’oro,
né in dispiacere o in pensiero.
Ti assicuro che bramo solo te,
che t’amo forte t’amo, t’amo, t’amo.

Amore meu prenda de istimare
s’affettu meu a tie solu est dau;
s’are iuttu sas alas a bolare,
milli bortas a s’ora ippo bolau;
pro benner nessi pro ti saludare,
s’attera cosa non a t’abbissare.

Amore mio, gioiello da stimare,
il mio affetto a te solo e’ dato;
se avessi avuto le ali per volare,
mille volte all’ora avrei volato;
per venire almeno a salutarti,
o solamente per vederti.

Si m’esseret possibile d’anghelu
d’ispiritu invisibile piccabo
sas formas; che furabo dae chelu
su sole e sos isteddos e formabo
unu mundu bellissimu pro tene,
pro poder dispensare cada bene.

Se mi fosse possibile d’angelo
di spirito invisibile prenderei
le forme; ruberei dal cielo
il sole e le stelle e formerei
un mondo bellissimo per te,
per poter dispensare ogni bene.

 Grazie per esserti interessato alla cultura sarda, per noi è molto importante!

Non potho reposare . canzoni tradizionali italiane

One thought on “Non potho reposare – canzone tradizionale sarda – musica italiana”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*