Poesia su Oristano – Enrico Costa (1895) Poesia Sardegna

Poesie-Enrico_Costa_2

Materiale tratto da www.sardegnadigitallibrary.it – Autore – Editore

Questa poesia venne scritta da Enrico Costa e venne pubblicata nel 1895.

Testo della poesia su Oristano

Tra i fichi d’India, in un torpor letale,
Immersa par l’indolente Signora…
Dorme lo stagno… e in alto sbatton l’ale
Le cornacchie, gracchiando ad ora ad ora.

E mentre il Tirso minaccioso sale
Aituguri di fango, i Santi implora
E per amor di Dio sopporta il male
La chittà di Mariano e d’Eleonora.

Per gli arsi campi, scalzo e raso in faccia,
Trotta il servil paesano – e a Ponte Manno
Van le servotte a farsi corteggiare.

Buoni amaretti, muggini, e vernaccia
T’offron gli amici: e obliar così ti fanno
Le malariche febbri e le zanzare.

Torna all’indice su Enrico Costa >>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*