Perché non ricordi cosa hai sognato la mattina? Ecco da cosa può dipendere

_______

(Fonte foto buongiorno.lol)

Avete mai avuto la sensazione di aver sognato ma non ricordare esattamente che cosa? Le teorie abbondano sul perché sogniamo, come sogniamo, e ciò significano i nostri sogni. Molte persone credono che i sogni possano fornire spunti nella nostra vita e sentimenti, ma il problema è che sono notoriamente difficili da ricordare. Come mai alcuni ricordano e altri no? Da cosa dipende? Le persone che tendono a ricordare i propri sogni possono anche rispondere più fortemente di altri e sentire il loro nome quando sono svegli, così come la nuova ricerca suggerisce.

Tutti sognano durante il sonno, ma non tutti ricordano la scappatella mentale il giorno dopo, e gli scienziati non sono sicuri del perché alcune persone ricordano più di altre. Per scoprirlo, i ricercatori hanno usato l’elettroencefalografia per registrare l’attività elettrica nel cervello di 36 persone, mentre i partecipanti hanno ascoltato sullo sfondo delle melodie, e, occasionalmente, sentito il proprio nome di battesimo. Lo studio è stato condotto tre anni fa. Per ricordare i propri sogni bisognerebbe sentire il proprio nome quando si è svegli, la nuova ricerca suggerisce che questo aiuta.

Una teoria consolidata suggerisce che una diminuzione nell’onda alfa è un segno che le regioni cerebrali vengono inibiti dal rispondere a stimoli esterni. Gli studi dimostrano che quando la gente sente un suono improvviso e apre gli occhi, più regioni del cervello si attivano, l’onda alfa è ridotta.

Nello studio, come previsto, entrambi i gruppi hanno mostrato una diminuzione delle onde alfa quando hanno sentito i loro nomi durante la veglia. Ma chi ricorda ha mostrato una flessione più prolungata, che può essere un segno per il loro cervello sia effettivamente diventato più ampiamente attivato, quando hanno sentito i loro nomi. Infatti, i partecipanti allo studio hanno mostrato un aumento delle onde alfa in risposta ai suoni durante il sonno, e non vi era alcuna differenza tra i gruppi.

I ricercatori hanno visto che chi ricorda, si sveglia più frequentemente durante la notte. I primi erano svegli, in media, per 30 minuti durante la notte, mentre chi non ricorda era sveglio per 14 minuti.

Complessivamente, i risultati suggeriscono che il cervello di chi ricorda può essere più reattivo a stimoli quali suoni, che potrebbero renderli svegli più facilmente.

Tuttavia, svegliarsi di notte può rappresentare solo una parte delle differenze che persone mostrano nel ricordare i sogni. Insomma, c’è ancora molto da capire: quello che aiuta è sicuramente avere un blocchetto accanto al letto. Una volta svegli, si può segnare ogni singolo ricordo.

   
_______

Altri articoli da leggere:

More Like This


Categorie


Varie

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Categorie




Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it