Pelodytes ibericus: descrizione e caratteristiche del pelodite iberico

_______________
____________________
____________________
 
 
 
 
 

Il pelodite iberico (Pelodytes ibericus), è un anfibio anuro della famiglia dei Pelodytidae.

  • Nome scientifico: Pelodytes ibericus
  • Categoria tassonomica: Specie
  • Ordine: Anuri
  • Classificazione superiore: Pelodytes

Descrizione del Pelodytes ibericus

È un piccolo rospo, con una lunghezza compresa tra i 29 ed i 43 mm, con la testa lunga e larga ed il muso arrotondato. Le femmine sono notevolmente più grandi. Il colore della pelle è variabile, di solito ha un colore olivastro più o meno scuro che a volte raggiunge il colore marrone. La parte posteriore ha piccole protuberanze ovoidali verdastre, l’area ventrale ha un colore chiaro, che varia dal giallo pallido al grigio.

Il pelodite iberico è leggermente più piccolo del pelodite punteggiato, ma esteriormente quasi indistinguibile. La corporatura è quindi snella, con zampe lunghe e pelle verrucosa; occhi con pupille verticali. Le parti superiori sono beige, grigio-brunastre o olivastre, solitamente con macchie nere e verdi. Le zampe sono provviste di bordi membranosi ai lati delle dita, ma mai di membrane interdigitali. La lunghezza, nella media è di 3-4 cm nei maschi e di 3,5-4,5 cm nelle femmine.

Dove si trova il Pelodytes Ibericus: area di distribuzione

L’area di diffusione del Pelodytes Ibericus

Il pelodite iberico è una delle specie iberiche endemiche, l’area di distribuzione del sapillo ibisco maculato comprende il sud-ovest del Portogallo, (a sud-ovest di Portalegre) e la parte più orientale di Evora, Beja e Faro. In Spagna si trova in Extremadura, nella provincia di Badajoz, in Castilla-La Mancha, a sud della provincia di Ciudad Real; si può trovare anche in Andalusia, estendendosi poi ampiamente attraverso le province di Huelva e Cadice ma diminuendo nelle province di Siviglia, Córdoba, Málaga.

L’habitat del Peldoytes Ibericus

Abita dal livello del mare, nella provincia di Cadice, fino a quasi i 2000 metri di altitudine, nella provincia di Granada; occupa più frequentemente valli e pianure, ma anche in zone dunali. Si trova più raramente nei luoghi in cui le precipitazioni sono inferiori alla media annuale.

Generalmente l’esistenza del pelodite iberico è messa a rischio, come altre specie di anfibi, dalla distruzione del loro habitat, dall’inquinamento o dalla scomparsa degli ambienti acquatici che utilizza per riprodursi, sia da fattori antropici diretti o altre variazioni di tipo climatico (in particolare la siccità).

La popolazione complessiva di pelodite iberico ad ogni modo sembra essere ragionevolmente stabile; un fattore animale di rischio è la predazione da parte del gambero rosso della Louisiana.

Consigli di lettura a riguardo online

   
_______

More Like This


Categorie


Animali

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>




 

Categorie


Cerchi un insegnante di ripetizioni vicino a casa?
Trovalo subito usando questo sito!

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it