"Para que tú me oigas" – testo e traduzione poesia di Pablo Neruda

Pablo Neruda
Pablo Neruda

<<< Torna all’elenco delle poesie di Pablo Neruda

Pablo Neruda è stato un poeta cileno vincitore di numerosi riconoscimenti letterari fra cui il premio Nobel per la letteratura. Ha lavorato come diplomatico ed è stato un membro attivo del partito comunista; l’impegno politico si riflette spesso nelle sue opere. Pablo Neruda è stato ampiamente conosciuto per le sue opere “Venti poesie d’amore e una canzone disperata” e “Cento sonetti d’amore”.

La poesia tradotta in questa pagina si intitola “Para que tú me oigas“, in italiano “Perché tu mi oda” e fa parte della raccolta di poesie “20 poemas de amor y una canción desesperada” (20 poesie d’amore e una canzone disperata) dello scrittore cileno Pablo Neruda.

Ecco il testo e la traduzione della poesia “Para que tú me oigas”  (Perché tu mi oda) di Pablo Neruda

Para que tú me oigas
mis palabras
se adelgazan a veces
como las huellas de las gaviotas en las playas.

Perché tu mi oda
le mie parole
a volte si assottigliano
come le orme dei gabbiani sulle spiagge.

Collar, cascabel ebrio
para tus manos suaves como las uvas.

Collana, sonaglio ebbro
per le tue mani dolci come l’uva.

Y las miro lejanas mis palabras.
Más que mías son tuyas.
Van trepando en mi viejo dolor como las yedras.

E le vedo lontane le mie parole.
Più che mie esse son tue.
Si arrampicano sul mio vecchio dolore come l’edera.

Ellas trepan así por las paredes húmedas.
Eres tú la culpable de este juego sangriento.

Si arrampicano così sulle pareti umide.
Sei tu la colpevole di questo gioco sanguinoso.

Ellas están huyendo de mi guarida oscura.
Todo lo llenas tú, todo lo llenas.

Esse fuggono dal mio rifugio oscuro.
Tu riempi tutto, tutto riempi.

Antes que tú poblaron la soledad que ocupas,
y están acostumbradas más que tú a mi tristeza.

Prima di te popolarono la solitudine che occupi,
e sono abituate più di te alla mia tristezza.

Ahora quiero que digan lo que quiero decirte
para que tú las oigas como quiero que me oigas.

Ora voglio che dicano ciò che voglio dirti
perché tu oda come voglio che m’oda.

El viento de la angustia aún las suele arrastrar.
Huracanes de sueños aún a veces las tumban.

Il vento dell’angoscia le trascina.
Uragani di sogni a volte le abbattono.

Escuchas otras voces en mi voz dolorida.
Llanto de viejas bocas, sangre de viejas súplicas.
Ámame, compañera. No me abandones. Sígueme.
Sígueme, compañera, en esa ola de angustia.

Senti altre voci nella mia voce addolorata.
Pianto di vecchie bocche, sangue di vecchie suppliche.
Amami, compagna. Non abbandonarmi. Seguimi.
Seguimi, compagna, in quest’onda di angoscia.

Pero se van tiñendo con tu amor mis palabras.
Todo lo ocupas tú, todo lo ocupas.

Ma vanno tingendosi del tuo amore le mie parole.
Tu occupi tutto, tutto occupi.

Voy haciendo de todas un collar infinito
para tus blancas manos, suaves como las uvas.

Ne farò di tutte una collana infinita
per le tue mani bianche, dolci come l’uva.

Vuoi ascoltare la poesia letta in spagnolo con la pronuncia corretta? Abbiamo un video pronto per te:

 

 

<<< Torna all’elenco delle poesie di Pablo Neruda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*