Orso delle caverne – Museo geologico G.Capellini – Ursus spelaeus

logo-mggc

<<< Torna al menù del Museo Geologico Giovanni Capellini

Nome scientifico: Ursus spelaeus

Phylum: vertebrati

Classe: mammiferi

Ordine: carnivori

Nome volgare: Orso delle caverne (dal latino spelaeum = caverna)

Età geologica: Proviene da sedimenti di grotta dell’ultima Era Glaciale (Glaciazione Wurmiana) del Pleistocene superiore, (Periodo Quaternario, Era Cenozoica), che copre un arco di tempo compreso tra 80.000 e 18.000 anni fa.

Luogo di ritrovamento: Grotta di Pocala presso Aurisina (Trieste)

L’orso delle caverne era più grande dell’orso bruno ed in piedi poteva raggiungere i 3 metri di altezza. Caratteristica è la sua fronte bombata. Il suo regime alimentare era essenzialmente vegetariano (molari grandi molto tubercolati e unghie meno lunghe e taglienti dell’orso bruno attuale). È vissuto insieme all’uomo paleolitico, che ce ne ha lasciato splendide figurazioni, e le sue tracce (orme e unghiate) si trovano di frequente nelle caverne associate ai resti scheletrici. I più antichi resti fossili risalgono alla glaciazione Mindel (circa 600.000 anni fa). Si è estinto circa 18.000 anni fa, al termine della glaciazione wurmiana e la sua estinzione può essere stata facilitata dalla caccia all’uomo.

<<< Torna al menù del Museo Geologico Giovanni Capellini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*