Nurnet: l'archivio digitale del partimonio archeologico sardo

Adotta-un-nuraghe-NurnetFinalmente qualcosa di nuovo si accende nei computers e fa rivivere l’isola sarda e il suo patrimonio archologico-culturale: oggi parliamo di Nurnet, la rete dei nuraghi.

 

La fondazione Nurnet nasce nel Settembre del 2013 con 69 soci fondatori.

    La missione di Nurnet:
  1. 1) Modificare l’immagine della Sardegna nel Mondo centrandola maggiormente sul lascito del periodo prenuragico e nuragico.

  2. 2) Generare una rete di relazioni sociali fondata sul senso di empatia per il paesaggio archeologico specificamente e il paesaggio della Sardegna in senso ampio.

  3. 3) Generare economia indotta attraverso tutte le attività collaterali che potranno essere sviluppate a favore del territorio in generale e della Fondazione medesima.

  4. 4) Migliorare il grado di conoscenza della loro identità storica, spesso andato smarrita a causa delle dimenticanze della letteratura italiana.

Lo staff del Geo.Portale CRS4 Nurnet si sta impegnando veramente a fondo per compiere un servizio alla collettività: creare una mappa approfondita dei nuraghe sardi, un progetto che si potrebbe definire come un “geoportale” dei nuraghi; attualmente i dati di questo geoportale in fase di costruzione si trovano su un server americano

Come potrete facilmente immaginare la mole di lavoro da compiere è abbastanza pesante e sarebbero utili a questo fine dei finanziamenti per continuare e migliorare il progetto.

Nurnet ha già catalogato numerosi monumenti nelle zone di:

  • Iglesiente
  • Barigadu
  • Nurra
  • Gallura
  • Ogliastra
  • Sarrabus

    Nurnet: il logo dell’iniziativa “Adotta un nuraghe”
  • Trexenta
  • Anglona
  • Monte Acuto
  • Goceano
  • Meilogu
  • Planargia<e/li>
  • Marghine
  • NUORESE – BARBAGIA BITTI
  • Barbagia di Ollollai
  • Le Baronie
  • GENNARGENTU – Barbagia di Belvì
  • Mandrolisai
  • Campidano di Oristano
  • Monreale
  • Marmilla
  • Gerrei
  • Campidano di Cagliari
  • Parteolla
  • Sarcidano
  • Romangia
  • Montiferru
  • ALTA GALLURA
  • COROS
  • VILLANOVA
  • SUPRAMONTE
  • GUILCER
  • SINIS
  • ALTA MARMILLA
  • LINAS
  • Sulcis, BASSO
  • CAPOTERRA
  • CAMPIDANO

Interessante è poi l’iniziativa “Adotta un nuraghe”, ossia un progetto che si basa sulle reti sociali dove diviene strategico rendere partecipe il cittadino sardo, o quello estero, appassionato della materia o innamorato della Sardegna, anche per la sostenibilità economica del progetto stesso.

Per partecipare al progetto Nurnet “Adotta un nuraghe” basta aprire liberamente una pagina dedicata al proprio monumento o al sistema di monumenti scelto e assegnato e pubblicare contenuti e metadati.

A parer mio l’iniziativa in campo culturale è sempre apprezzata ma credo ancor più che debba esserlo quando l’iniziativa può favorire l’economia e la consapevolezza storica di una regione come la Sardegna.

Diciamocelo, questo è usare internet in modo intelligente e costituisce un esempio da seguire per noi giovani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*