L’uso dei nomi femminili in giapponese e la formula “さん”: come si usa?



Sei alle prime armi col giapponese e in questo momento stai facendo degli esercizi… ed ecco che arriva il dubbio: con i nomi femminili si usa la formula さん?

La frase  “Chiara non è un insegnate” si potrà tradurre con “キアラさんは先生ではありません”, giusto?

Quando la persona non è soggetto ma un altro complemento, il さん va mantenuto?

  1. Sì, puoi usarlo anche con i nomi femminili, e rimane anche nel caso in cui tu debba usare altre particelle (quindi nel caso degli altri complementi).
  2. さん è come dire: Mr. X o anche Ms. X (donna nubile) o Mrs.X (donna sposata), quindi un appellativo di rispetto. Chiamare per nome diretto si può solo con amici e parenti. Inoltre quando ti rivolgi direttamente alla persona andrai a usare cognome-san (es.: Rossi-san, come stai?), da evitare invece “tu” o “Lei”. Solo quando si parla di ragazzi (età scolastica) si distingue per genere: cognome-san per le ragazze, cognome-kun per i ragazzi (in realtà anche col nome proprio ma deve esserci più confidenza) …Oltre l’età universitaria invece dipende dal contesto: un datore di lavoro può chiamare una nuova assunta con cognome+kun e significa solo che c’è differenza di “status” tra loro (ma non è di per sé un offesa).

More Like This


Categorie


Lingue

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.


Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it