L’unica donna della battaglia di Lepanto: la storia di Maria Bailadora

_______

La battaglia di Lepanto fu una durissima battaglia combattuta con estremo coraggio fianco a fianco dai soldati italiani e spagnoli, come spesso acceva in quegli anni con buona e cattiva fortuna ma di solito con successo.

Una figura minore forse leggendaria ma il cui nome spesso ritorna nei racconti spagnoli della battaglia è quella di Maria Bailadora.

Roger Crowley (“Imperi del Mare”, 2009) riferisce che “[…] sull’ammiraglia di don Giovanni si
trovava un archibugiere dal viso particolarmente fresco: il suo nome era Maria la Bailadora, una danzatrice di flamenco che si era arruolata per seguire il suo amante in battaglia […]”.
In prima linea si nota un giovane spadaccino, molto abile e coraggioso, vestito da archibugiere, quasi tutti però, compreso don Giovanni, sanno che trattasi di una giovane dell’Andalusia, Maria Bailadora, che è a bordo per la condiscendenza del Capitano Lope de Figueroa, forse per seguire l’amato.

Di tutte le relazioni ufficiali o semiufficiali della battaglia di Lepanto, sia italiane che spagnole, solo il prezioso rapporto del soldato Marco Antonio Arroyo, testimone oculare della battaglia, pubblicato nel 1576 a Milano (allora appartenente al Regno di Spagna) con il titolo di ” Relazione della vicenda della flotta della Lega santa”cita brevemente l’episodio di una donna spagnola vestita da soldato e che si intrufolò nella flotta combattendo sulla reale di Spagna.

Essendo un documento serio, una cronaca molto precisa della famosa battaglia navale, vale la pena scrivere che dice in questa relazione considerata preziosa e veritiera.
.
La presenza di una donna a Bordo era veramente eccezionale perchè Don Juan d’Austria aveva espressamente vietato di imbarcare di “imbarcare donne e persone inutili”.

Ecco quello che scrive:

“Ma una donna spagnola, Maria, chiamata Bailadora ( La Ballerina), che si è spogliata delle abitudine e della naturale paura femminile, ha combattuta con tanta energia e destrezza con un archibugio, che molti turchi persero la vita e affrontata da uno di loro, l’ha ucciso a coltellate. Per questo Don Juan gli concesse un onore inconsueto e gli concesse che da allora in poi doveva prendere posto tra i soldati, come aveva dimostrato di essere, nel Tercio di Don Lope de Figueroa ».

Questo fatto è stato così importante per Marco Antonio Arroyo da dedicargli alcune righe nella raccolta di aneddoti che costituisce un capitolo del suo libro sfidando la misoginia del tempo. Il respiro romantico di questa donna di cui si dice avesse voluto seguire a tutti i costi l’amato,un soldato del Tercio del Mare oceano, e il suo innegabile valore furono così immortalati, rendendo omaggio eterno e meritato anche a tutti coloro che diedero la loro vita nella sanguinosa battaglia

   
_______

Altri articoli da leggere:

More Like This


Categorie


Storia

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Categorie




Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it