Lo stato stazionario dell'economia (equilibrio di lungo periodo)

Economia degli intermediari finanziari l'arbitraggio , hedger e speculatore deinizione cos'è

Lo stato stazionario dell’economia prevede dunque che il capitale per addetto non possa crescere all’infinito. Il tasso di crescita del capitale deve essere quindi uguale a zero ossia il rispario per addetto è appena sufficiente a coprireil deprezzamento di capitale per addetto. Conseguenza: il tasso di risparmio (s) non avrà alcun effetto sul tasso di crescita del prodotto per addetto stazionario (che è pari a zero), mentre determinerà il livello di prodotto per addetto nel lungo periodo. Quindi dunque se si aumenta il tasso di risparmio vi sarà solo momentaneamente un periodo di crescita destinato a finire quando l’economia avrà raggiunto il suo nuovo stato stazionario. (Questo ovviamente se l’s di partenza era minore dell’s di regola aurea, in caso contrario aumentare s farebbe addirittura ridurre i consumi). Poichè il capitale è l’unico fattore produttivo che stiamo considerando e il suo tasso di crescita stazionario è pari a 0, anche il tasso di crescita stazionario del prodotto per addetto sarà nullo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*