“Lo chiamavano Geronimo” (Katia Calandra) – recensione del libro

_______________

____________________
 
 
 
 
 

LO CHIAMAVANO GERONIMO

Katia Calandra, Aras, 2016, pagg. 246

Il romanzo parte con il ritorno di una giovane donna, Rosalba, da un viaggio in Inghilterra. Al suo arrivo alla terra natale diverse cose sono cambiate e lei, che è una persona curiosa, vuole conoscerle tutte. Particolare è l’interesse per le origini e per la storia di suo padre, uomo che ha vissuto tutta la sua vita nei campi, come i suoi avi, e che ha amato la terra, fino a riscuotere un particolare successo. Ne emerge un lungo dialogo tra un padre e sua figlia. La narrazione torna indietro fino al 1912 e racconta della vita nei campi in un periodo storico in cui l’Italia è sottomessa al gioco della mezzadria e in cui si dipende da un padrone a cui tutto è dovuto. Si susseguono mille e mille ingiustizie, lutti, opportunità mai colte e, invece, anche un lieto fine. C’è chi non si arrende mai e nonostante le avversità della vita riesce a ricavare uno spazio per sé e per la propria famiglia, in cui vivere finalmente sereni.

Zarina Zargar

   

_______

More Like This


Categorie


Recensioni

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 




 

Categorie


Cerchi un insegnante di ripetizioni vicino a casa?
Trovalo subito usando questo sito!

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it