Little Wing (Jimi Hendrix): testo, traduzione e storia della canzone

_______________
____________________
____________________
 
 
 
 
 

 

Storia della canzone “Little Wing” di Jimi Hendrix:

Little Wing è il titolo di una canzone della rock band The Jimi Hendrix Experience, scritta dal chitarrista e leader del gruppo Jimi Hendrix e registrata sull’album del 1967 Axis: Bold as Love. Il noto periodico musicale Rolling Stone Magazine l’ha piazzata al 357º posto nella sua classifica delle 500 canzoni più belle di sempre.

 

Traduzione in italiano e testo inglese a fronte di “Little wing” (Piccola ala) di Jimi Hendrix:

Well she is walking through the clouds
Bene, sta camminando fra le nuvole
With a circus mind that’s running wild
con uno spirito visionario che corre selvaggio
Butterflies and zebras
farfalle e zebre
And moonbeams and fairy tales
e raggi lunari e storie fatate
That’s all she ever thinks about
questo è tutto ciò che lei abbia mai pensato
Riding with the wind.
cavalcando col vento.

When Ìm sad, she comes to me
Quando sono triste, lei viene da me
With a thousand smiles, she gives to me free
con un migliaio di sorrisi, lei mi dà libertà
It’s alright she says it’s alright
va tutto bene dice, va tutto bene
Take anything you want from me, anything
prendi tutto ciò che vuoi da me, ogni cosa,
Anything.
ogni cosa.

Fly on little wing,
Vola su una piccola ala,
Yeah yeah, yeah, little wing
Si, si, si, piccola ala.


Tutto quello che c’è da sapere su Little Wing di Jimi Hendrix

“Little Wing”,scritta da Jimi Hendrix nel 1967 e pubblicata nell’ album della The Jimi Hendrix Experience “Axis: Bold As Love”, è uno dei brani più amati dai milioni (miliardi?) di fan del grande artista di Seattle e rappresenta in poco più di 3 minuti le grandi doti di Hendrix. L’album “Axis: Bold as Love” fu la naturale progressione di “Are You Experienced?”, ugualmente pervaso dalla fortissima vena acida e sperimentale del suo predecessore, ma caratterizzato da sonorità meno aspre e più proiettate verso funk, blues ed R&B. Con Bold As Love Hendrix proseguirà nella sua ricerca sonora anche nel senso delle variazioni sui due canali di uscita stereo, inoltrandosi ulteriormente verso risultati sonori assolutamente innovativi: il disco fu inoltre interamente registrato con l’accordatura della chitarra diminuita di mezzo tono, espediente destinato a diventare standard nella produzione del chitarrista.

Il disco è inoltre da ricordare per i travagli che lo accompagnarono nelle fasi immediatamente precedenti alla sua uscita.

Avvenne infatti che Hendrix dimenticò il master tape già missato del lato A del disco sul sedile posteriore di un taxi senza riuscire in alcun modo a recuperarlo. Il fatto costituiva un serio problema poiché i masters originali avrebbero dovuto essere consegnati a breve per la stampa dell’LP: tutto il lato A del lavoro dovette quindi essere rimissato dai multitraccia basali in un’unica notte di lavoro, con disappunto di Hendrix e del suo storico tecnico Eddie Kramer che in seguito sosterranno di non essere interamente soddisfatti del risultato.

Ulteriori noie provennero dall’artwork della copertina: a causa di un banale malinteso, la richiesta di Hendrix affinché il tema richiamasse le sue origini indiane – riferendosi alle tribù di pellerossa nativi del Nordamerica – venne completamente equivocata dallo studio grafico britannico che se ne occupò ed il risultato fu una copertina in cui Hendrix, Redding e Mitchell vestono i panni delle divinità induiste Durga e Vishnu.

L’album si rivelò comunque un successo, facendo aumentare considerevolmente le richieste di esibizioni dal vivo del gruppo e portando la Experience a suonare di fronte a platee sempre più ampie. La conclusione del tour non fu comunque felice: mentre il gruppo si trovava in Scandinavia per alcune date, la notte del 4 gennaio 1968 Hendrix venne tratto in arresto a Stoccolma dopo aver devastato una stanza d’albergo in preda ai fumi dell’alcool.

Il brano è stato inserito al 357° posto della classifica di Rolling Stones delle 500 migliori canzoni di tutti i tempi e come al solito mi trovo in totale disaccordo con la blasonata rivista e credo che la lista interminabile di band famose che ne hanno pubblicato una cover sia l’ennesimo esempio della superficialità con cui è stata composta quella classifica.

   
_______

More Like This


Categorie


Musica musica statunitense

Tag


Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Categorie


Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it