Le modificazioni dell’atto costitutivo tramite l’assemblea straordinaria

_______________
____________________
____________________
 
 
 
 
 

Successione nei debiti (imprenditore agricolo o commerciale) appunti di diritto commerciale

Riguardo all’assemblea straordinaria leggiamo anzitutto l’articolo 2365 del codice civile, che chiarisce su cosa può deliberare l’assemblea straordinaria.

“L’assemblea straordinaria delibera sulle modificazioni dello statuto, sulla nomina, sulla sostituzione e sui poteri dei liquidatori e su ogni altra materia espressamente attribuita dalla legge alla sua competenza. Fermo quanto disposto dagli articoli 2420-ter e 2443, lo statuto può attribuire alla competenza dell’organo amministrativo o del consiglio di sorveglianza o del consiglio di gestione le deliberazioni concernenti la fusione nei casi previsti dagli articoli 2505 del consiglio di sorveglianza o del consiglio di gestione le deliberazioni concernenti la fusione nei casi previsti dagli articoli 2505 d 2505 bis, l’istituzione o la soppresione di sedi secondarie, la indicazione di quali tra gli amministratori hanno la rappresentanza della società, la riduzione del capitale in caso di recesso del socio, gli adeguamenti dello statuto a disposizioni normative, il trasferimento della sede sociale nel territorio nazionale. Si applica in ogni caso l’articolo 2436.”

Con l’espressione modifiche dell’atto costitutivo si intende far riferimento a tutte le ipotesi di mutamento dell’originario contratto sociale (atto costitutivo o statuto), realizzato mediante l’inserimento di nuove clausole o attraverso la modificazione delle disposizioni preesistenti.

Le modificazioni dell’atto costitutivo sono di regola di competenza dell’assemblea straordinaria; per alcune modifiche, poi, la legge richiede una maggioranza più elevata di quella ordinariamente prescritta per la seconda convocazione (più di un terzo dell’intero capitale, anziché almeno 2/3 del capitale rappresentanto in assemblea).

Sono modifiche di particolare rilevanza:

  1. Cambiamento dell’oggetto sociale
  2. Trasformazione della società
  3. Trasferimento della sede sociale all’estero
  4. Scioglimento anticipato
  5. Proroga della società
  6. Revoca dello stato di liquidazione
  7. Emissione di azioni privilegiate

Le deliberazioni che importano modificazioni dell’atto costitutivo sono soggette all’iscrizione nel registro delle imprese.

Le modificazioni dell’atto costitutivo e dello statuto possono essere decise tramite deliberazioni dell’assemblea straordinaria degli azionisti, che è l’organo competente a norma dell’articolo 2365 del codice civile. Tuttavia è possibile anche una delega a favore di altri organi sociali per talune decisioni che implicano modificazioni dello statuto, tassativamente elencate dalla legge.

Gli articoli 2420-ter e 2443 a cui il legislatore fa riferimento riguardano l’emissione di obbligazioni convertibili, e l’operazione di aumento di capitale sociale. I relativi articoli consentono allo statuto di attribuire la competenza dela decisione agli amministratori della società.

Nelle decisioni concernenti modificazioni dello statuto, sia che siano adottate dall’assemblea straordinaria o dagli organi sociali delegati, devono essere rispettati gli aspetti procedurali previsti dall’articolo 2346.

Articolo 2346:

Il notaio che ha verbalizzato la deliberazione di modifica dello statuto, entro trenta giorni, verificato l’adempimento delle condizioni stabilite dalla legge, ne richiede l’iscrizione nel registro delle imprese contestualmente al deposito e allega le eventuali autorizzazioni richieste.

L’ufficio del registro delle imprese, verificata la regolarità formale della documentazione, iscrive la delibera nel registro.

Se il notaio ritiene non adempiute le condizioni stabilite dalla legge, ne dà comunicazione tempestivamente, e comunque non oltre il termine previsto dal primo comma del presente articolo, agli amministratori. Gli amministratori, nei trenta giorni successivi, possono convocare l’assemblea per gli opportuni provvedimenti oppure ricorrere al tribunale per il provvedimento di cui ai successivi commi; in mancanza la deliberazione è definitivamente inefficace.

Il tribunale, verificato l’adempimento delle condizioni richieste dalla legge e sentito il pubblico ministero, ordina l’iscrizione nel registro delle imprese con decreto soggetto a reclamo.

La deliberazione non produce effetti se non dopo l’iscrizione.

Dopo ogni modifica dello statuto deve esserne depositato nel registro delle imprese il testo integrale nella sua redazione aggiornata.

Il presente articolo prevede che le deliberazioni riguardanti modificazioni dello statuto devono essere verbalizzate da un notaio, il quale, controllata la regolarità sostanziale e formale della delibera, deve procedere al deposito presso il registro delle imprese per la successiva iscrizione della delibera.

L’ufficio del registro delle imprese verifica poi gli adempimenti formali ed iscrive la delibera nel registro.

Fintantoché la modificazione non risulti dall’iscrizione nel registro delle imprese, gli effetti della deliberazione non si producono, l’iscrizione è costitutiva. Questo vale sia nei confronti dei terzi, sia nei confronti dei soci. È inoltre necessario che gli amministratori, una volta iscritta la delibera, provvedano alla redazione ed al deposito per l’iscrizione nel registro delle imprese, dello statuto nella versione aggiornata.

Al legislatore interessa quindi che i terzi possano leggere nella sua formulazione aggiornata lo statuto di una società, in assenza della quale la comprensione del quadro complessivo dello statuto potrebbe risultare difficile e onerosa.

Il capitale sociale è fissato nell’atto costitutivo della società. Durante la vita della società il capitale sociale è fisso, mentre varia l’entità del patrimonio netto, ed ha la funzione di fissare un’entità minima sotto la quale il patrimonio netto non può scendere.

Tuttavia durante la vita della società è possibile modificare l’entità del capitale sociale sia in aumento, sia in diminuzione, ma dato che essa è fissata nell’atto costitutivo della società, affinché si possa procedere alla modifica è necessario modificare l’atto costitutivo della società.

   
_______

More Like This


Categorie


Diritto commerciale

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>




 

Categorie


Cerchi un insegnante di ripetizioni vicino a casa?
Trovalo subito usando questo sito!

Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it