Le fonti di finanziamento nello stato patrimoniale – passivo – spiegazione e appunti

Attivo e passivo stato patrimoniale spiegazione
Il passivo dello stato patrimoniale mette in evidenza le fonti di acquisizione delle ricchezze.

Le fonti di finanziamento sono riconducibili a due macro fenomeni:

Finanziamento a titolo di capitale proprio = è il finanziamento proveniente dal sodi che sottoscrivono le proprie quote d’azione
Finanziamento a titolo di capitale di credito = sono i mezzi finanziari acquisiti creando debiti. Comprende le classi B,C,D,E
FINANZIAMENTO A TITOLO DI CAPITALE PROPRIO:
Si puà formare mediante:
1) Apporto sociale
2) autofinanziamento
3) contributi a fondo perduto
4) Rivalutazione monetaria
1) Apporto sociale  = rappresenta i mezzi finanziari che i soci immettono nella società
a) Patrimonio netto (è la prima voce del passivo dello stato patrimoniale, clicca qui e approfondisci)
> Capitale sociale (valore nominale del capitale sottoscritto dai soci anche se non ancora interamente versato)
> Riserva sovraprezzo azioni (in questa sottoclasse vengono indicati eventuali aumenti del capitale verificatisi dopo che la società si è avviata; è la differenza tra l’emissione di un’azione e il suo valore nominale.
2) Autofinanziamento: i soci possono finanziare le società oltre che in forma diretta, in forma indiretta, tramite la non percezione degli utili di società.
3) Contributi a fondo perduto: questi finanziamenti sono sempre di meno in quanto le autorità hanno sempre meno soldi; possono essere finanziamenti a fondo capitale (trasferimento di ricchezze da parte del pubblico, senza però l’obbligo di restituire) o finanziamenti di conto esercizio ( ossia finanziamenti intesi come integrazione di ricavi come ad esempio avviene per il latte, il cui costo è minore del costo di produzione nei paesi sviluppati, per cui viene integrato con dei contributi dati dallo stato cossicchè le categrie interessate vengano tutelate; i finanziamenti  di conto esercizio possono essere anche tramite fiscalizzazione, ossia con il pagamento di minori tasse).
4) Rivalutazione monetaria: quando un azienda compie degli investimenti in un momento in cui la moneta aveva una certa inflazione, ma che col passare del tempo questa stessa inflazione cambi, generando fair value (e quindi eventuale guadagno).
Finanziamento a titolo di capitale di credito: I debiti sono risorse finanziarie da redistribuire, dall’aspetto:
1) Positivo (il debito è un moltiplicatore dello sviluppo aziendale in quanto permette di fare più di ciò che potrei fare)
2) Negativo (l’indebitamento induce una fragilità finanziaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*