Accettazione dei cookie



La scala di Karnofsky: definizione, riassunto e schema




Immagine da Pixabay

Cos’è la scala di Karnofsky?

La scala di Karnofsky è uno degli indici di “performance status scale” (infatti il nome originale della scala è proprio “Karnofsky performance status scale“): precisamente la scala di Karnofsky serve per la valutazione dello stato di salute generale del cittadino.

La scala di Karnofsky prende il nome dal Dott. David A. Karnofsky che la descrisse in collaborazione col Dott. Joseph H. Burchenal nel 1949; dal 2013 il sistema della scala di Karnofsky viene utilizzato dalle commissioni INPS (Istituto nazionale della previdenza sociale) in Italia.

A cosa serve la scala di Karnofsky?

La scala di Karnofsky sarebbe una delle scale di valutazione sanitarie dei pazienti maggiormente usate; in questo caso per il calcolo si tiene conto anche della qualità della vita del paziente, utilizzando tre parametri:

  • Limitazione dell’attività
  • Cura di se stessi
  • Autodeterminazione

Tramite la scala di Karnofsky è possibile compiere una stima della prognosi, nonché stabilire l’obiettivo e la pianificazione delle terapie che il paziente dovrà effettuare.

Attuando la comprensione delle condizioni del paziente per mezzo della scala si può procedere alla scelta della cura più indicata durante la malattia del paziente, ad esempio operando una decisione che implichi una scelta ponderata fra prolungamento della vita o completa guarigione, o ancora restituzione funzionale.

Uno degli indici spesso affiancati alla scala di Karnofsky è l’indice ECOG (Eastern Cooperative Oncology Group).

Come funziona la scala di Karnofsky?

Nella tabella visibile in questa pagina è possibile osservare contemporaneamente entrambi i due indici, affiancando allo stesso tempo i rispettivi valori nei loro sistemi di punteggio; tramite l’osservazione di questi possiamo valutare la capacità lavorativa o la possibilità di intraprendere le normali attività del paziente nonché di comprendere se è possibile per il paziente sopportare le terapie.

In questa pagina è mostrata invece la scala ECOG.

Come è facile riscontrare dalla lettura della tabella indicata il grado 0 corrisponde alla mancanza di malattia ed è il grado minimo della scala, mentre 100 rappresenta la morte ed è il massimo della scala.

Spesso quando si valuta la possibile risposta ad una terapia è importante tenere conto del paziente nella sua mobilità ed autonomia; la scala è inoltre frequentemente usata anche nell’ambito dell’oncologia, nonché per determinare l’indennità di accompagnamento.


Approfondimenti consigliati:

Vota questo articolo
[Voti: 0   Media: 0/5]

More Like This


Categorie


Medicina e scienza

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it