La rivoluzione industriale e i suoi effetti generali sulla popolazione

Germania rivoluzione industriale prima

I cambiamenti della popolazione sono tra gli effetti più eccezionali della rivoluzione industriale. Lo sviluppo della popolazione è iniziato solo con la rivoluzione industriale, che ha permesso tassi di incremento annui più consistenti (dovuti a tassi di mortalità più bassi) e un innalzamento nella speranza di vita (vita media). Il miglioramento della speranza di vita è dovuto all’abbassamento del tasso di mortalità e di natalità (“transizione demografica”). Tre sono i fattoriche hanno generato questa evoluzione della demografia: i miglioramenti della scienza medica, la migliore nutrizione e la migliore igene (fogne, acquedotti). Tutto ciò ha diminuito l’incidenza di epidemie (vaccini, antibiotici, igene) e ha innalzato la speranza di vita in maniera significativa. La vita media più lunga ha ridotto il dispendio di energie per l’allevamento della prole, ha permesso curssicula di studi più lunghi. La crescita della popolazione ha portato ai benefici di specializzazione del lavoro e delle economie di scala. Vi sono anche effetti negativi come le agglomerazioni in metropoli inquinate, la disoccupazione, l’invecchiamento della popolazione, con l’esplosione dei costi di assistenza,ma sono effetti che possono trovare soluzione dal proseguire della ricerca scientifica e tecnologica e dal contenimento della crescita. La famiglia è ora sempre più piccola (mononucleare) perché ci sono meno figli, non sono più quelle famiglie patriarcali e poi perché sono molto diffusi i divorzi e l’omosessualità per cui ci sono molti single.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*