Accettazione dei cookie



La crescita monetaria e la sua influenza con la regola di Fisher




Il legame fra crescita monetaria e tasso di interesse nominale

Durante il medio periodo la crescita monetaria non porta a influenzare il tasso di interesse reale; piuttosto la sua attività porta ad una variazione correlata del tasso di interesse nominale i e dell’inflazione in misura proporzionale rispetto alla sua crescita.

Pertanto durante il medio periodo la crescita monetaria influenza il tasso di interesse nominale ed il tasso di inflazione.

Il caso dell’inflazione italiana negli anni 80′

Un esempio di questa condizione può essere quello italiano durante il periodo degli anni 80′ durante i quali il paese attraversava una corrente inflazionaria piuttosto elevata, pari anche al 15%, equivalente alla rendita dei titoli di stato in quel momento; durante tale periodo veniva stampata moneta in grande quantità, portando a svalutazioni competitive col fine di aumentare l’esportazione dei prodotti.

Approfondimenti consigliati

Per comprendere meglio queste dinamiche a livello matematico, in economia viene utilizzata la formula di Fisher.

Vota questo articolo
[Voti: 0   Media: 0/5]

More Like This


Categorie


Economia

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it