Accettazione dei cookie



La posizione strategica di Vesontio: versione tradotta




Testo latino della versione

Caesar, per triduum progressus, per exploratores cognovit Ariovistum cum suis omnibus copiis contendere ad occupandum Vesontionem, quod est oppidum maximum Sequanorum, et iam longe a suis finibus processisse et oppidum cito invasurum esse. Caesar, hac re cognita, existimabat magnopere sibi praecavendum esse ne id accideret. Namque in eo oppido summa erat facultas omnium rerum, quae ad bellum usui futurae essent, et locus sic muniebatur ut magnam ad ducendum bellum facultatem daret, quia flumen Dubis, sicut circino circumductum, paene totum oppidum cingit; reliquum spatium qua flumen intermittit, mons continet magna altitudine, ita ut radices montis ripas fluminis contingant. Circa hunc montem murus circumdatus arcem efficit et eam oppido coniungit. Huc Caesar magnis diurnis nocturnisque itineribus contendit occupatoque oppido ibi praesidium arcem defensurum collocat.

Traduzione versione “La posizione strategica di Vesontio” (Caesar, per triduum progressus..)

Cesare, avendo proceduto per tre giorni, venne a sapere attraverso gli esploratori che Ariovisto con tutte le sue truppe lottava per recuperare Vesontio, la città più grande dei equani, e che e che si era allontanato dai suoi territori e che stesse per invadere presto la città. Cesare, venuto a conoscienza di ciò, pensava di doversi preparare ampiamente, affinchè non accadesse. Infatti in quella città c’era grandissima abbondanza di tutte quelle cose che stavano per essere di utilità alla guerra, e il luogo era così fortificato da offrire grande facilità a condurre una guerra, per il fatto che il fiume Doubs circondava quasi tutta la città, tracciando attorno come un compasso; lo spazio restante, dove il fiume non scorre, lo occupa un monte di grande altezza, tanto che le rive del fiume raggiungono i piedi del monte. Un muro costruito attorno a questo monte lo rende una roccaforte e lo congiunge con la città. Qui Cesare si dirige a marce forzate diurne e notturne ed occupa la città e lì pone una guarnigione a difenderla.


Autore: Giulio Cesare

Vota questo articolo
[Voti: 1   Media: 5/5]

More Like This


Categorie


letteratura Storia

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it