La politica economica di Napoleone Bonaparte – riassunto

_______________
____________________
____________________
 
 
 
 
 

Napoleone tentò di creare un sistema economico continentale europeo , mentre sul versante Atlantico la vittoria britannica permise l’eliminazione della Francia e della Spagna nel sistema coloniale. A seguito del colpo di stato di Napoleone del 1799 le rivalità anglo – francesi si inasprirono. Lo storico francese Bergeron descrisse il b locco continentale come un modo particolare di condurre la guerra, che in futuro si sarebbe dovuto fondare sul dominio economico del continente. In realtà il progetto continentale fu impossibile da realizzare , sia perché incoraggiò il commercio di contrabbando, sia per via della resistenza degli Stati conquistati. L’aspetto più positivo del retaggio napoleonico fu l’abolizione del feudalesimo. Le monarchie dell’Ancien Regime si riti rarono di fronte a nuove autocrazie amministrative che prendevano a modello il regime napoleonico. Lo Stato riguadagnò completa sovranità. Furono abolite le giurisdizioni private. Si riorganizzarono le tasse per favorire lo sviluppo della proprietà privata e dell’impresa individuale. Nella confederazione tedesca vennero introdotte riforme (da Von Stein e Von Hardenburg) per la liberalizzazione del mercato. Anche nella monarchia asburgica l’esperienza della sconfitta e della fine del Sacro Romano Impero fu un forte incentivo alle riforme amministrative. Le monarchie costituzionali dell’Ancien Regime erano rimpiazzate da nuove forme di assolutismo burocratico con relativi oneri fiscali per il loro mantenimento. 43 Le conseguenze delle politiche economiche di Napoleone non furono affatto sempre negative; per esempio nell’Italia settentrionale portò all’espansione della produzione di seta e della seta grezza, che diventò la principale merce di esportazione, e al ruolo di fornitrice di materie prime. Il blocco, però , generò una crisi nei produttori della Renania e della Svizzera , per mancanza di materie prime. Come sostenuto da Bergeron, la Francia uscì dall’era napoleonica geograficamente trasformata e ridotta , e ciò portò alla staticità dei mercati interni, con una rinforzata offerta, non compensata dalla domanda . Crollato l’Impero Francese si ritornò al protezionismo precedente. Il quadro europeo si presentava come un mosaico disunito di economie, fino a quando nel 1830 il boom ferroviario segnò una nuova fase di c rescita economica, soprattutto in Renania. Tuttavia, il periodo dopo Waterloo (1815) vide la domanda statica ed in contrazione. Nel XIX secolo, l’industrializzazione portò a nuove rivalità nazionali, anziché alla crescita economica, sebbene le nuove capaci tà commerciali si fossero sviluppate fino al Nord America.

   
_______

More Like This


Categorie


Economia Storia

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Categorie


Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it