La particolare patologia dell’incontinenza urinaria da sforzo

_______

Incontinenza urinaria appunti

Una involontaria perdita urinaria è il sintomo più comune che si sta vivendo una condizione di incontinenza urinaria. Osservando il tipo di perdita urinaria e la frequenza delle minzioni, possiamo distinguere i diversi casi, tra i quali c’è pure l’ incontinenza urinaria da sforzo. Come suggerisce già il termine, questa particolare forma, si verifica in seguito a uno “sforzo” fisico. Per sforzo non s’intende esclusivamente lo spostamento di un oggetto un po’ più pesante. Può essere considerato uno sforzo anche una forte risata continua, che fa scaturire una contrazione addominale e ha come effetto una perdita di urina. La stessa cosa vale anche per colpi di tosse e starnuti violenti. Generalmente, una perdita può essere generata da qualsiasi azione che implichi una pressione sui muscoli addominali e per riflesso comporta una tensione sui quelli che circondano la vescica.

Alle cause che generano una incontinenza urinaria da sforzo, possiamo aggiungere, per le donne, gli effetti di un recente parto naturale oppure delle fasi della menopausa.

Gli uomini non sono immuni a tutto ciò, anche se finora non li abbiamo nominati questo, non vuol dire che non possono essere interessati da uno stato di incontinenza urinaria maschile, ma significa solo che i casi sono più rari e hanno cause diverse.

L’incontinenza urinaria da sforzo si può risolvere nei casi meno gravi, con una cura farmacologica oppure può essere alleviata mediante una ginnastica correttiva. Questo rimedio, che non è una cura risolutiva, consiste di opportuni esercizi fisici personalizzati e ti permette in qualche mese di riacquistare il tono dei muscoli che hanno influenza sul pavimento pelvico. Di solito migliora problemi di incontinenza urinaria femminile e ti mette in condizione di riuscire a controllare meglio lo stimolo della minzione, limitando così le eventuali perdite di urina.

L’incontinenza urinaria è un fastidio fisiologico che è curabile e colpisce tutti senza distinzioni di età, anche i bambini con l’enuresi notturna, ad esempio.

Che cos’è l’enuresi notturna?

E’ una forma particolare d’incontinenza urinaria che accade involontariamente mentre si dorme, e si manifesta con una perdita di urina. Nel caso dei più piccoli è conosciuto come il problema classico della “pipì a letto”, giusto per intenderci. Anche noi da piccoli ci siamo passati!

La condizione dell’enuresi notturna, in questo caso, si risolve da sola con il passare del tempo e educando il proprio figlio a controllare lo stimolo a urinare. Con gli anni diventa un’azione automatica e non avvengono più perdite di urina durante il sonno, grazie anche a un blocco psicologico creato dal nostro organismo, che fa in modo di non farci avvertire il bisogno di andare in bagno mentre dormiamo. Qualunque sia la tua età, quella di svuotare la vescica prima di mettersi a dormire è sempre una buona abitudine.

L’incontinenza urinaria può manifestarsi in tanti modi e a volte la miglior cura è data proprio dalla prevenzione e da un’adeguata conoscenza della materia. Per altre informazioni, visita curaincontinenza.it

   
_______

Altri articoli da leggere:

More Like This


Categorie


Medicina e scienza

1 Comment

Add a Comment

  1. Ciao Angela, il tuo nome utente è stato inserito fra gli autori che scrivono su Infonotizia.it, gli articoli che scriverai saranno sempre raggiungibili cliccandoci sopra 🙂

Add a Comment

Your email address will not be published.Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Categorie




Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it