Accettazione dei cookie



La migliore poesia d’amore di Saffo




Ho appena ritrovato quella che potrebbe essere la migliore poesia d’amore di Saffo, la famosa poetessa greca di Ereso.


Testo originale della poesia di Saffo (frammento numero 31):

φαίνεταί μοι κῆνος ἴσος θέοισιν
ἔμμεν’ ὤνηρ ὄττις ἐνάντιός τοι
ἰσδάνει καὶ πλάσιον ἆδυ φωνεί-
σας ὐπακούει,καὶ γελαίσας ἰμέροεν, τό μ’ ἦ μὰν
καρδίαν ἐν στήθεσιν ἐπτόαισεν.
ὠς γὰρ ἔς σ’ ἴδω βρόχε’ ὤς με φώναι-
σ’ οὐδ’ ἒν ἔτ’ εἴκει,ἀλλὰ κὰμ μὲν γλῶσσα ἔαγε, λέπτον
δ’ αὔτικα χρῷ πῦρ ὐπαδεδρόμηκεν,
ὀππάτεσσι δ’ οὐδ’ ἒν ὄρημμ’, ἐπιρρόμ-
βεισι δ’ ἄκουαι:ἔκ δέ μ’ ἴδρως κακχέεται, τρόμος δὲ
παῖσαν ἄγρει, χλωροτέρα δὲ ποίας
ἔμμι, τεθνάκην δ’ ὀλίγω ‘πιδεύης
φαίνομ’ ἔμ’ αὔτᾳ.

Traduzione di Giovanni Pascoli:

A me pare simile a Dio quell’uomo,

quale e’ sia, che in faccia ti siede, e fiso

tutto in te, da presso t’ascolta,

dolcemente parlare,

e d’amore ridere un riso, e questo

fa tremare a me dentro al petto il core;

ch’ai vederti subito a me di voce

filo non viene,

e la lingua mi s’è spezzata, un fuoco

per la pelle via ch’è sottile è corso,

già non hanno vista più gli occhi, romba

fanno gli orecchi

e il sudore sgocciola, e tutta sono

da temore presa, e più verde sono

d’erba, e poco già dal morir lontana,

simile a folle.

 


 

Traduzione di Paolo Costa (Ravenna, 13 giugno 1771 – Bologna, 20 dicembre 1836):

 

Gli dei per fermo agguaglia, anzi si gode

Gaudio più che divin quei che sedente

Al tuo cospetto te rimira ed ode

Dolce ridente.

Che se l’alta ventura unqua mi tocca

D’esserti appresso, o mio soave amore,

Non io ti guardo ancor, che sulla bocca

La voce muore.

Fassi inerte la lingua, il pensier tardo,

Un sottil fuoco va di vena in vena,

Fischian gli orecchi, mi s’appanna il guardo

E veggo appena.

Un gelido sudor tutta m’inonda,

Mi trema il cor, rabbrivida ogni membro,

Mancami il fiato, e pallida qual fronda,

Morta rassembro.

Traduzione del 1821 di Ugo Foscolo:

Quei parmi in cielo fra gli Dei, se accanto

Ti siede, e vede il tuo bel riso, e sente

I dolci detti e l’amoroso canto! –

A me repente

Con più tumulto il core urta nel petto:

More la voce, mentre ch’io ti miro,

Sulla mia lingua: nelle fauci stretto

Geme il sospiro.

Serpe la fiamma entro il mio sangue, ed ardo:

Un indistinto tintinnio m’ingombra

Gli orecchi, e sogno: mi s’innalza al guardo

Torbida l’ombra.

E tutta molle d’un sudor di gelo,

E smorta i viso come erba che langue,

Tremo e fremo di brividi, ed anelo

Tacita, esangue.


Traduzione di Giovanni Andrea dell’Anguillara, 1572:

 

Parmi quell’huomo eguale essere à i Dei,

qual diritto à te siede,

E dolce ragionar ti sente, e vede

Rider soavemente.

Questo à me il cor nel petto batte, e fiede:

Perché mentre mi sei

Opposta, si che con questi occhi miei

Ti vegga immantinete,

Non ho à voce formar virtù possente;

Ma impedita la lingua muta viene,

E sottil fuoco presto

Passami per le vene.

Perdon l’ufficio gli occhi di mirare,

L’orecchie d’ascoltare.

Gelo è il sudor, tutta tremante resto.

Più c’herba secca di pallor dipinta,

Priva di spirto, assembro quasi estinta.


Saffo (in greco antico: Σαπφώ, Sapphó; Ereso, 630 a.C. circa – Leucade, 570 a.C. circa)

(Altre poesie e frasi di Saffo qui)

 

Vota questo articolo
[Voti: 0   Media: 0/5]

More Like This


Categorie


letteratura

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it