Accettazione dei cookie



La filosofia di Hegel (Finito e Infinito / monismo panteistico)




Finito e infinito per Hegel

Con la prima delle sue tesi di fondo Hegel cerca di spiegare che la realtà non è un insieme di sostanze autonome ma piuttosto un organismo unitario di cui tutto ciò che esiste è manifestazione.

Questo organismo, poiché non presenta niente all’infuori di sé coincide con l’Assoluto e con l’Infinito mentre i vari enti del mondo poiché sono manifestazione di quest’ultimo coincidono con il finito. Pertanto il finito, come tale, è inesistente perché considerato solo come espressione parziale dell’infinito: esattamente come una parte esiste solo in connessione a un tutto il finito esiste unicamente nell’infinito e in virtù dell’infinito.

La filosofia di Hegel prende così la forma di un “monismo panteistico” ovvero una visione del mondo (il finito) come manifestazione o realizzazione di Dio (l’infinito).

Per Hegel l’assoluto si identifica come un soggetto spirituale in divenire di cui tutto ciò che esiste è “momento” o “tappa” di realizzazione.

La sostanza è Soggetto, ovvero essa non è qualcosa di immutabile e già dato ma un processo di “auto-produzione” che soltanto alla fine, cioè con l’uomo (lo spirito) e le sue attività più alte riesce a rivelarsi per quello che è veramente: il vero è l’intero.

L’intero è soltanto l’essenza che si completa mediante lo sviluppo.

Vota questo articolo
[Voti: 0   Media: 0/5]

More Like This


Categorie


Filosofia

Categorie


Infonotizia.it è un blog di pubblicazioni online che si pone come obiettivo incentivare lo sviluppo culturale della rete.





Questo sito partecipa al Programma Affiliazione Amazon Europe S.r.l., un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it